Vedi tutti

Gli ultimi messaggi del Forum

L'incantesimo dello spirito - Lois McMaster Bujold

Piacevole ma meno bello degli altri due. E' sempre scritto bene, buoni i problemi magici-spirituali da sbrogliare, ma già dall'inizio si è un po' disorientati perchè non si capisce dove la vicenda è ambientata, anche perchè la regione non è mai stata menzionata precedentemente e non vengono date molte informazioni geografiche. La storia è slegata dai precedenti e per un po' non si sa se aspettarsi un proseguimento di quello che si è già letto oppure no, e nonostante di fondo c'è sempre l'iterazione tra umani e dei, l'assenza quasi totale di questi ultimi rende la tale iterazione debole, quasi insapore. Anche l'antefatto storico è spiegato male, così da togliere coinvolgimeto, ed i personaggi sono, rispetto al loro destino, più passivi nelle loro scelte, cosa che toglie mordente alla lettura. Riepilogando non è male, ma non all'altezza dei precedenti.

La messaggera delle anime - Lois McMaster Bujold

E il seguito de "L'ombra della maledizione" ma non è la continuazione della storia precedente bensì una trama a se stante, anche se il personaggio principale è uno dei secondari del primo libro, e ci sono vari riferimenti a quanto già letto. Secondo me è più intenso del primo, più ricco, vi sono infatti un viaggio interiore e una crescita del personaggio più ampi, maggiore azione e sempre personaggi secondari all'altezza.
Consigliato.

La sposa scomparsa - Rosa Teruzzi

Scrittura e buona narrazione invogliano la lettura, anche se la storia di per se sembra un poco inconsistente. L'unico colpo di scena è il finale davvero inaspettato.

La coppia perfetta - B. A. Paris

L'ho letto pensando fosse una classica storia d'amore con qualche scheletro nell'armadio, ma poi si é rivelato più sconvolgente del previsto. Ottimo libro che lascia col fiato sospeso...

R: Il gatto nella città dei sogni - Deborah Ellis

L'ho letto su proposta di mia nipote tutto in un fiato! La trama è coinvolgente e tratta un argomento spinoso: conflitto tra palestinesi e israeliani, in cui inevitabilmente i bambini innocenti vengono coinvolti nelle guerre. L'autrice, nonostante, ha scritto parti anche divertenti con personaggi diversi ben definiti. La storia si alterna tra il passato e il presente della protagonista. E' da leggere!

Il gatto nella città dei sogni - Deborah Ellis

E' un libro davvero fantastico che mi ha fatto entrare nel vivo della situazione. Mi hanno colpito molto i caratteri dei personaggi, soprattutto quello della protagonista divenuta gatta. Mi è piaciuta in particolare la descrizione della Ms Sealand (insegnante soprannominata Ms Zero). E' un libro che fa riflettere ma è anche umoristico. E' per questo che consiglio a tutti i lettori di leggerlo!

Warm bodies - Isaac Marion

È un romanzo young adult che ci tenevo a leggere, sin da quando ne ho conosciuta la trama. Essendo appassionata di zombie, non ho trovato eccessive le descrizioni dei morsi, delle ferite, delle aggressioni, che erano indispensabili per creare l’ambientazione e lo scenario apocalittico.
Il punto di vista interno a uno zombie è molto particolare, originale, innovativo ed è l’elemento che rende irresistibile WARM BODIES di Isaac Marion ed anche ciò che ho apprezzato di più. A R ci si affeziona, poiché di lui si scopre l’anima, attraverso i pensieri e le parole che vorrebbe dire, ma che non sempre vengono fuori coerentemente. Fino alla fine, R resta misterioso perché lui stesso ignora il suo passato, prima della trasformazione in zombie. Si pone domande cui non trova risposta, finché, dopo essersi cibato del cervello di Perry, iniziano per lui tutta una serie di visioni che riguardano Julie. È un po’ un ritorno alla vita, anche se altrui, in un mondo che per lui era costituito solo da morte, vuoto e solitudine.
Le differenze tra Vivi (umani) e Morti (zombie ai vari stadi) a un certo punto non si distinguono più e R, da zombie, riesce ad essere più umano di loro, dimostrando sensibilità e sentimenti positivi. L’inevitabile amore per Julie lo aiuta a cambiare, a trasformarsi nuovamente, a tornare, in modo graduale, alla vita.
È un bel libro che vi consiglio perché è piacevolmente scorrevole, semplicemente ben scritto, insolito nella trama, poetico nello stile, romantico nella sensibilità dei personaggi e nel lieto fine che, per quanto vi aspettiate, saprà sorprendervi.

L. 4: La sinistra segheria

Forse in questo volume i ragazzi erano davvero troppo sfortunati, ma in generale questa saga mi sta prendendo molto.
Mi è piaciuto molto il riferimento a Orwell e anche il fatto che questa volta Violet e Klaus si sono praticamente scambiati di ruolo, bello anche il fatto che Sunny diventa sempre più presente e partecipa attivamente.

L. 3: La funesta finestra

Una volta iniziata, è impossibile abbandonarla! Sarà anche una serie per ragazzi ma ha tutte le caratteristiche per essere considerata una storia di successo, adatta a tutte le età.

L. 2: La stanza delle serpi

Il libro è come il primo molto bello, con una narrazione scorrevole. Vi sono ripetizioni sulle caratteristiche dei ragazzi e sulla loro storia volte probabilmente a guidare chi per sbaglio inizia la lettura di questo libro senza aver letto il precedente.

I colori dopo il bianco - Nicola Lecca

Questo romanzo ha il potere di farti vivere così intensamente Marisiglia che ti sembra di vederla, di essere lì tra voci, profumi, caos. La trama è coinvolgente ed i personaggi ben delineati. Spero ci sia presto un seguito, sarebbe un peccato che finisse così.

Mercanti di uomini - Loretta Napoleoni

Una mitragliatrice di informazioni e di dati, scottanti, urlati. Letto il prologo, temevo il resto del libro non potesse aggiungere nulla alle cristalline premesse: non è così. Piace cogliere, tra le conclusioni, l'eco di quanto scrive Caselli sulla sconfitta delle brigate rosse, spente solo dopo aver perso ogni sostegno ideologico da qualsiasi parte della sinistra.

Navi perdute - Naomi J. Williams

Piacevole lettura, l'autore innesta, su una trama storica e resa nota fin dalla prima pagina, una collezione di racconti tutti interessanti e di buon ritmo. Resta la sensazione di aver voluto unire diversi esercizi di stile, lasciando al romanzo nel suo insieme un sapore un po' scolastico. Un bell'esordio comunque.