Vedi tutti

Gli ultimi messaggi del Forum

Il richiamo della palude - Davide Calì & Marco Somà

Albo molto bello, raffinato nel testo e nell'illustrazione.
Mood prevalente: malinconia (la palude, l'autunno, le foglie che cadono: in adeguate tonalità grigioazzurre con punte di giallo desaturato, non squillante).
Che cos'è casa? Qualcosa che ha un odore (di palude). Ma anche qualcosa che ha un colore: azzurro, qui luminescente, come il fiore della poesia di Hölderlin che significa poesia e amore. Casa ha adirittura una voce: che dice "Se tu sei felice dove sei, siamo felici anche noi".

Ninfee nere - Michel Bussi

Un giallo davvero tale fino alla fine. Bello e indecifrabile fintanto che la rivelazione di un piccolo particolare getterà luce su tutta la storia.

L'ottava vibrazione - Carlo Lucarelli

1896, Massaua, colonia italiana in Africa. Il caldo in certe ore è appiccicoso, in altre torrido e immobile, le mosche sono sempre dappertutto. Ma ci si fa l'abitudine. Liquori, droghe e donne aiutano a sopportare meglio i disagi del clima. Un ufficiale perverso, però, può darsi abbia gusti che richiedano tragicamente ben altro ...

A Massaua il traghetto porta solo guai: rifornimenti il cui registro era meglio non contraffare, la moglie di un ufficiale che era meglio non guardare, un indagatore sotto mentite spoglie che era meglio non avere alle calcagna.

Così, mentre diverse trame e sottotrame s’inseguono nel romanzo, con un andamento a metà fra lo storico e il noir - le 2 specializzazioni di Lucarelli -, sullo sfondo si prepara una pagina di storia indelebile come la battaglia di Adua (sinonimo da allora di sconfitta totale degli Italiani, e prima grossa pietra d'inciampo nella storia del colonialismo europeo in generale).

Romanzo efficace, con una scelta di plurilinguismo lodevole che passa dai vari accenti regionali italiani, a quelli africani locali, nello sforzo di costruire personaggi credibili, non semplici macchiette.
Il finale storico noto non toglie pathos alla costruzione narrativa.

R: Le nostre anime di notte - Kent Haruf

Una storia bellissima, un racconto imperdibile, l'eleganza di sentimenti che si raccontano ed esprimono nel modo più umano e fragile per non lasciare posto al rimpianto.
In attesa del film, con i grandissimi Redford e Fonda, si conoscono e comprendono, nel libro, due persone coraggiose ed ammirevoli che forse potrebbero essere nascoste in ciascuno di noi.

Il cervello bilingue - Franco Fabbro

Il cervello bilingue è un testo di neurolinguistica per specialisti che richiede impegno e che va studiato. Sebbene non sia poi recentissima resta comunque sino ad ora l'opera più completa in italiano che abbia trattato la questione del linguaggio dal punto di vista neurologico/neuropsicologico. Proprio per questo è ricco di dati interessanti sul funzionamento del cervello in casi di mono- e bilinguismo. Lo consiglio a chi si interessa di queste materie e voglia approfondire in maniera scientifica le questioni in merito alla fisiologia del linguaggio, funzionamento del cervello riguardo alla produzione e organizzazione del linguaggio in casi sani e patologici (particolare riguardo merita la sezione sulle afasie). Ottimo testo soprattutto per la preparazione di esami universitari per la glottodidattica.

Le coccinelle dal bacio assassino - Giordano Minoli

L'ho finito...un premio alla pazienza. Se ne avete l'intenzione: non fatelo!
Scrivono meglio gli alunni delle medie: lessico da telegiornale di provincia, tempi verbali che cambiano nella stessa frase, stereotipi a gogo e fantasia non pervenuta. Il peggior "romanzo" che io abbia mai visto.

R: Tinder - Sally Gardner

Bizzarro, meraviglioso, inquietante.
Una riscrittura in chiave gotica di una fiaba di Andersen poteva essere un azzardo.
Fortunatamente, non è questo il caso.

Paper dinastia - [Don Rosa]

Don Rosa è un maestro tanto del disegno quanto dell'intreccio.
Prendere un personaggio disneyano (Paperone) e conferirgli una caratterizzazione contemporaneamente così realistica, profonda e divertente al tempo stesso non è da tutti.
Le avventure di un giovane ed inesperto Paperone che raggiunge il successo diventando il cinico avventuriero miliardario che tutti conososciamo vengono narrate dall'autore con perizia sia storica che "filologica".
Per costruire questa storia, infatti, Don Rosa ha spulciato anni di storie con protagonista il vecchio cilindro, creando una cronologia coerente ed inserita in un contesto storico credibile, con tanto di date e riferimenti ad eventi realmente accaduti.
Il tutto condito da magnifici e dettagliati disegni, gag divertenti e momenti a tratti persino commoventi.
Consigliatissimo.