مجموعة التواصل الإجتماعي » Forum » تعليقات

La rivoluzione della luna
4 1 0
Camilleri, Andrea <1925-2019>

La rivoluzione della luna

Sellerio, 2013

نبذة مختصرة: Racconto veritiero di una storia solo in parte supposta, il romanzo cresce e concresce scortato dalla luna. Tutto era lecito allora, nel Seicento, a Palermo, fuorché ciò che era lecito. (...) Tra le pompe di un dovizioso apparato, con maggiordomi, paggi, maestri di casa e scacazzacarte, e in mezzo a uno strisciar di riverenze, di ludi e di motteggi, era tutto un rigirar di scale e porte: un far complotti, ordire attentati, muover coltelli e insanguinar le mani; violar le leggi, collezionar prebende, metter tangenti, dispensar favori e accudir parentele; abusare, predare e ladroneggiare, intorbidar le acque; industriarsi nel vizio, puttaneggiare e finger compassione e trepida carità per il sesso più giovane, e derelitto, mentre un'enfasi scenica e profanatoria provvedeva ai corrotti desideri con burlesques di tonache coi fessi aperti dietro e dinanzi. L'illegalità lavorava a pieno servizio. Era il predicato forte della politica del Sacro Regio Consiglio, e delle sue mosse proditorie, dapprima alle spalle di un Viceré che la malattia aveva reso tardo e lento, grave di carne tremolosa, dirupato e assopito sul suo carcassone; e poi contro la sua vedova, donna Eleonora di Mora, senza paragone diversa, lucidamente ferma e decisa nella difesa delle leggi e della giustizia sociale, da lui designata a sostituirlo in caso di morte improvvisa. Fu così che, nel 1677, la Sicilia ebbe un Viceré anomalo. Un governatore donna. (Salvatore Silvano Nigro)

76 Views, 1
Alice Raffaele
47 posts

Nun jè stata 'na passiggiata, affrontare "La rivoluzione della Luna", chistu romanzo storico du defunto Camilleri.
Qualcuno du gruppu l'avi definito ostico pri la difficoltà di la lingua, e puri navutra, ri origini meridionali, avi attruvatu 'n dialettu chi confliggeva, chinu ri termini arcaici. Purtroppo alcuni u hannu abbandonato, per altri riuscire a finire "u 'contu", u racconto ispirato a fatti reali storici, era diventata pirò 'na questione d'onore.
Jè comu iri pi muntagna, anzi, supra 'n vulcano comu a nostra Idda, l'Etna: jè faticoso, ma i molteplici nature e specie sunnu talmente sorprendenti e inaspettate, chi a curiosità sali ri metro duoppu metro, pàggina duoppu pàggina, e u ciatu si fa da sulu, si abitua a li parti cchiù pi acchianata. A sorpresa jè stata provvidenziale, accussì comu u gruppu ri lettura, picchì da sulu nun avremmo mai lìettu 'n libbru tale, comu i migliori avventure ri trekking pi cui da soli mancu si parti. U Maestro ci avi guidato cu u suo dialettu e a so' vuci, chi qualcuno macari s'avissa elencare a lista di la spesa.
'n vulcano, 'n cratere ribollente: ecco l'arrivo ri Donna Eleonora a pàggina 33. Idda accende tutta a storia, rende a lettura intrigante, gustosa e saporita. Eleonora jè u magma incandescente di la storia: incanta, si fa rispettare, 'n passo a la vùota riscalda tuttu, pi vendicare u maritu mortu ma restando fedele ai suoi principi. A fìmmina tipica ri Andrea Camilleri è: gelida e ardente allo stissu tempu, mora, altera, battagliera. All'avanguardia e lungimirante, a apprima fìmmina Viceré jè talmente apprezzata chi macari duoppu u suo ciclo lunare ri regnu i suoi provvedimenti nun venunu annullati.
Camilleri ci accompagna pi chista escursione rintra a storia di la Sicilia, scialandoci e rendendo fatti scabrosi macari divertenti. Jè riuscito a contarcela supra, a nuatri seduti attorno o focu ri Eleonora, apprima scettici e pi difficoltà e poi ipnotizzati dalle fiamme. E quannu u focu s'è astutatu e a storia jè finita, arristamu vogliosi ri sentirne altre (u gruppu consiglia "Il re di Girgenti").
Pi furtuna u Maestro ci ni avi lasciate tanti, iddu chi sapìddu unni era riuscito a scovarle.
Fu quinni un’escursione chi jè valsa a pena fari? M*****a, sè!

  • «
  • 1
  • »

7119 رسائل في 5818 مناقشات ال 841 مُستخدِمين

حاليا على الانترنت: Ci sono 48 utenti online