338.7092 Imprese. Persone [22]

(Classe)

وُجِدَت 13 وثائق.

Il sogno di Solomeo
0 0 0
كتب عصرية

Cucinelli, Brunello <1953->

Il sogno di Solomeo : la mia vita e l'idea del capitalismo umanistico / Brunello Cucinelli ; a cura di Massimo de Vico Fallani

Feltrinelli, 2018

نبذة مختصرة: Il sogno di Solomeo è quello di un contadino che, seguendo i valori umanistici scoperti nella vita rurale e nella filosofia, diventa un grande industriale. Un sogno in grado anche di mostrare che si può restituire vita ai centri antichi e nobiltà alle periferie. Brunello Cucinelli ripercorre il suo cammino personale ed evoca il senso dell’umano appreso dai Greci, che ogni giorno l’ha accompagnato nella ricerca della saggezza e della pratica virtuosa. Le sue guide sono la dignità morale e quella economica dell’uomo. I punti cardinali che orientano questo viaggio sono la bellezza, quando è unita alla custodia, e la vecchiezza, quando è amata dai giovani, la ricchezza, quando è unita al dono, e la semplicità delle cose davvero grandi. Nasce così il concetto di “lavoro giusto” come rispetto della natura, dell’uomo e della sua aspirazione al sogno: è questo il “capitalismo umanistico”.

Dalla Val Sabbia a Venezia
0 0 0
كتب عصرية

Biati, Giuseppe

Dalla Val Sabbia a Venezia : la straordinaria vicenda dei fratelli Bontempelli Dal Calice / Giuseppe Biati ; saggio introduttivo di Alfredo Bonomi ; intrecci ad arte di Michela Valotti

Edizioni Valle Sabbia, 2019

نبذة مختصرة: Siamo nella seconda metà del Cinquecento. Da Lavenone di Valle Sabbia, due ragazzi partono alla volta di Venezia! Imprudenza? Inganno? Voglia di crescere? Emigrazione giovanile? Desiderio di una vita migliore? Avventura? Imprenditorialità "ante litteram"? Ricerca di un avvenire? "Vado e poi torno ai miei monti?", "Vado e non tornerò più ai miei monti?". Forse non tutto di questo, ma gran parte sì!

G. B. Pirelli
0 0 0
تحليلية

Pozzolini, Alberto <1933-2017>

G. B. Pirelli / di Alberto Pozzolini

Governo e rappresentanza degli interessi
0 0 0
كتب عصرية

Maifreda, Germano <docente di storia economica>

Governo e rappresentanza degli interessi : Angelo Villa Pernice (1827-1892) / Germano Maifreda

Rubbettino, 2001

Michele Perini
0 0 0
كتب عصرية

Todisco, Pier Luigi

Michele Perini : l'impresa che lascia il segno : dalla fabbrica di famiglia al Museo della Scienza, dal sommergibile Enrico Toti alla Fiera di Milano : quando l'imprenditore cattolico porta valori nella società / Pier Luigi Todisco ; fotografie a cura di Cristina Pica

Marketing sociale, 2010

نبذة مختصرة: Occorre chiedersi se esistano oggi tendenze o commenti, in cui si presenti la figura dell.impresa come modello ideale. La risposta è no. Diciamo la verità. L'imprenditore è visto ancora con gli occhi dell'800, come soggetto antagonista alla solidarietà. Nessuno lo dice apertamente. Ma questa è una nostra reminiscenza storica. Così, No men no economy è una verità ovvia, di cui siamo certamente persuasi, senza però essere concretamente persuasi, nei fatti. Siamo un po' come i fumatori. Anche loro sono persuasi, che il fumo faccia male. Però fumano lo stesso. Allo stesso modo, l'Italia, sa di avere bisogno di imprese, ma non si decide mai a fare ciò che dovrebbe: tagliare le tasse, semplificare il lavoro, stendere tappeti d.oro alle aziende, richiamarle dall'estero. È, così, oggi parliamo di Michele Perini, raccontato da Pier Luigi. Letta nella sua sostanza, la vicenda narrata smentisce gli economisti più autorevoli, partendo da Adam Smith, secondo il quale l'economia sarebbe costruita o misurata essenzialmente da un insieme di ore di lavoro. Teoria giusta, dal punto di vista aritmetico e statistico. Ma clamorosamente incompleta sul piano della sostanza. Andiamo al sodo. Senza Michele Perini e senza tanti altri come lui, da Ford, a Bill Gates, a Berlusconi, a Falck, avremmo avuto grandi gruppi industriali? La risposta è no. Le ore di lavoro non sono nulla, senza qualcuno che le organizzi. Questo qualcuno - e cioè l'uomo-imprenditore - è l'economia.

La società umana oltre il "malpasso"
0 0 0
كتب عصرية

Salomone, Mario

La società umana oltre il "malpasso" : orientati al futuro : Aurelio Peccei e il Club di Roma / Mario Salomone ; prefazione di Roberto Peccei ; con testimonianze di Eleonora Barbieri Masini ... [et al.]

Istituto per l'ambiente e l'educazione Scholé futuro, 2012

نبذة مختصرة: Questo volume si propone di ripercorrere il cammino di Aurelio Peccei e del Club di Roma sotto la sua gui-da, mettendo in luce la passione, il rigore morale, la statura culturale di Aurelio Peccei, la sua lungimiranza e rendendo omaggio alla sua capacità anticipatrice e alle sue qualità umane. Peccei era un entusiasta, un infaticabile organizzatore e un inguaribile ottimista ingiustamente accusato di catastrofismo. Il suo sforzo di disegnare un approccio rigoroso alle sfide del futuro, di immaginare un mondo senza armi nucleari (tuttora presenti negli arsenali a decine di migliaia), di esortare a dare a miliardi di esseri umani cibo, casa, istruzione, cure mediche, senza per questo aggredire e distruggere la Natura (importante la maiuscola, che egli usava), di incoraggiare i giovani: tutto questo e molti altri aspetti della vasta opera di Au-relio Peccei (portata avanti sia attraverso una mole impressionante di scritti, articoli e conferenze sia attra-verso i rapporti e i convegni del Club di Roma) sono ora di grandissima attualità, di fronte a una crisi pro-fonda che richiederebbe una nuova, più coesa, generosa, determinata governance mondiale, ad allarmi di va-rio tipo (da quelli terroristici a quelli sanitari), alla conferma dei cambiamenti climatici segnalati da Peccei già nel 1967, all'esaurimento delle risorse non rinnovabili e alla necessità di dare speranze all'umanità grazie a un nuovo modello di produzione e consumo più ecologico e sostenibile.

Una sfida al capitalismo italiano: Giuseppe Luraghi
0 0 0
كتب عصرية

Pozzi, Daniele <1976->

Una sfida al capitalismo italiano: Giuseppe Luraghi / Daniele Pozzi

Marsilio, 2012

نبذة مختصرة: La biografia professionale di Giuseppe Eugenio Luraghi (1905-1991) descrive il conflitto fra le ragioni della competenza professionale, quelle della proprietà tradizionale e quelle di una politica incapace di sostenere il patrimonio industriale del Paese. Una vicenda per diversi aspetti anomala di un dirigente che intende rivendicare il ruolo e la responsabilità dei manager nel contesto del capitalismo italiano, che, nella seconda metà del Novecento, appare invece condizionato dagli interessi delle grandi dinastie industriali o da quelli della classe politica. Pur in questo difficile quadro, Luraghi fu uno dei più importanti protagonisti della modernizzazione dell'impresa italiana, legando il proprio nome a prodotti-icona come la Giulietta e la Giulia, ma anche a grandi progetti culturali come le riviste "Pirelli" e "Civiltà delle Macchine". Basandosi sullo studio dell'archivio personale del manager-imprenditore, custodito presso l'Istituto di storia economica dell'Università Bocconi, il saggio ricostruisce la sua vicenda professionale a partire dalla formazione nella Milano del primo dopoguerra, dalla direzione della Pirelli, a quella della Finmeccanica, fino alla presidenza dell'Alfa Romeo negli anni sessanta-settanta.

Enrica Lombardi
0 0 0
كتب عصرية

Enrica Lombardi : testimonianze e scritti / [a cura di] Fondazione Museke, Associazione Museke

CE.DOC., 2017

نبذة مختصرة: Raccolta di scritti e testimonianze su Enrica Lombardi (1933-2015)

Morfologia del rimpianto
0 0 0
كتب عصرية

Inglese, Italo

Morfologia del rimpianto / Italo Inglese ; presentazione di Vincenzo Centorame

Chieti : Tabula fati, copyr. 2001

Luraghi
0 0 0
كتب عصرية

Gianola, Rinaldo <1956->

Luraghi : l'uomo che inventò la Giulietta / Rinaldo Gianola

Milano : Baldini & Castoldi, copyr. 2000

نبذة مختصرة: Giuseppe Eugenio Luraghi (1905-1991) è stato un protagonista dell'economia e dell'industria italiana. Questo libro si basa sull'Archivio Luraghi che la famiglia ha aperto per la prima volta, consentendo così di consultare materiale di rilevante interesse storico. Ci sono le testimonianze delle battaglie di Luraghi per l'industrializzazione del Mezzogiorno, della dura competizione con la Fiat che, tra l'altro, acquista la Ferrari violando accordi con l'Alfa Romeo, della lotta furibonda contro le intromissioni della politica nelle imprese pubbliche. E poi ancora le incredibili vicende di famose dinastie del capitalismo familiare, accompagnate da una lunga carrellata di politici, imprenditori, arstisti, che la penna ironica e brillante di Luraghi propone in un descrizione originale. Rinaldo Gianola è giornalista.

La Confindustria e lo sviluppo economico italiano
0 0 0
كتب عصرية

Belloni, Eleonora <storica>

La Confindustria e lo sviluppo economico italiano : Gino Olivetti tra Giolitti e Mussolini / Eleonora Belloni

Bologna : Il Mulino, 2011

نبذة مختصرة: È sorprendente il silenzio sin qui serbato dalla storiografia su una figura che ha segnato l'esordio di Confindustria, e ne ha attraversato anni cruciali: Gino Olivetti (1880-1942), promotore della Confederazione italiana dell'industria e suo segretario generale dal 1910, anno della fondazione, al 1934. Ventiquattro anni che vedono una guerra mondiale, la crisi dello Stato liberale, l'entrata in scena e il consolidarsi del regime fascista. Anni, quelli di inizio secolo, in cui la difficile congiuntura economica unitamente all'organizzarsi del movimento operaio e all'incremento delle agitazioni del lavoro - spinge la classe imprenditoriale a serrare le file e a dotarsi di una struttura in grado di coordinarne l'azione: così da presentarsi compatta sul mercato e sulla scena sociale, sia nei confronti dell'interlocutore politico, sia di fronte al sempre più minaccioso movimento operaio. Fin dai suoi primi passi l'associazionismo padronale si avvale dell'opera, insieme pratica e di elaborazione concettuale, di Gino Olivetti, che ne indirizzerà il cammino per lungo tempo. Se ne andrà, poi, Gino Olivetti, esule in Argentina per fuggire - lui di origini ebree - le persecuzioni razziali. Ma avrà lasciato un segno. Questo volume rievoca la sua vicenda umana e professionale, rendendo in qualche modo giustizia a quella che fu una delle figure di riferimento per l'industria italiana del Novecento.

Le mie gioie terribili
0 0 0
كتب عصرية

Ferrari, Enzo <1898-1988>

Le mie gioie terribili : storia della mia vita / Enzo Ferrari ; con un ricordo di Piero Ferrari

Mondadori, 2016

نبذة مختصرة: «Le zanzare erano fastidiose quella sera d'agosto. Avevo tra le mani un giornale illustrato d'automobilismo stampato a Torino. Me ne servivo per scacciarle. Improvvisamente Peppino, il grande amico della mia adolescenza, mi chiese: "Tu che cosa farai da grande?". Sotto la luce incerta di un lampione a gas della barriera daziaria di Modena gli additai una fotografia in prima pagina. "Raffaele De Palma" diceva la didascalia "ancora una volta protagonista a Indianapolis, la grande competizione americana." "Farò il corridore" risposi.» Inizia così, dall'ambizioso sogno di un ragazzo, l'irripetibile avventura di Enzo Ferrari, come lui stesso racconta in questa sua autobiografia, uscita nei primi anni Sessanta, quando «il Drake» era già l'italiano più famoso al mondo, aggiornata nei due decenni successivi per edizioni private e rimasta quindi fino a oggi sconosciuta al grande pubblico. Con lo stile asciutto, stringato, quasi aforistico (celeberrimo il suo «Il secondo è il primo degli ultimi»), ben noto a chi lo conobbe, il pioniere dell'automobilismo sportivo italiano snocciola pareri, dati e – soprattutto – ricordi. L'infanzia vissuta in un'Emilia di sapore già guareschiano, l'officina di carpentiere del padre, le corse a cui Enzo assiste da bambino tra Modena e Bologna, gli anni difficili della guerra, l'esordio da pilota nel 1919, le gare con l'Isotta Fraschini e l'Alfa Romeo. E nel 1929, mentre il mondo è sconvolto dalla Grande Depressione, da vero visionario fonda a Modena la Scuderia Ferrari, per far correre i rampolli dell'alta borghesia. Nemmeno il secondo conflitto mondiale e il bombardamento delle officine di Maranello lo distolgono dai suoi progetti: nel 1947 il cavallino rampante debutta in pista, inaugurando una stagione di successi destinata a diventare leggenda. Sono, quelle del Drake, pagine ricche di aneddoti curiosi (come quando, dovendo fare a bordo di una Rossa da battistrada a Mussolini, lo seminò sui tornanti dell'Appennino) e di lapidari giudizi tecnici e umani – non sempre lusinghieri – sui piloti che gareggiarono per lui (dall'«imprevedibile» Nuvolari all'«indecifrabile» Fangio, dal «garibaldino» Ascari allo «sconcertante» Mike Hawthorn, fino al «puntiglioso» Niki Lauda), ma anche intrise di dolore. Perché qui, in deroga alla proverbiale riservatezza, Ferrari parla liberamente di vicende intime, come la morte del giovanissimo figlio Dino, un evento che renderà per sempre «terribile» ogni sua gioia.

Rockefeller d'Italia
0 0 0
كتب عصرية

Rugafiori, Paride <1949->

Rockefeller d'Italia : Gerolamo Gaslini, imprenditore e filantropo / Paride Rugafiori

Roma : Donzelli, copyr. 2009

نبذة مختصرة: Gerolamo Gaslini, imprenditore, perde la figlia di soli undici anni, a causa di una malattia che la medicina non riesce a curare, durante la prima guerra mondiale. Ne rimane sconvolto. Da allora la sua vita è segnata dalla volontà di edificare a proprie spese un grande, moderno centro polivalente per la cura, l'assistenza e la ricerca a favore dell'infanzia, l'Istituto Giannina Gaslini, inaugurato a Genova nel 1938 e conosciuto in tutto il mondo. In un breve arco di tempo, Gaslini costruisce un vasto gruppo di imprese alimentari, chimiche, agricole, immobiliari e bancarie, inserendosi tra i pochi grandi imprenditori italiani dagli anni trenta ai sessanta del Novecento, dal fascismo alla Repubblica. Vicino a Mussolini, a De Gasperi e al Vaticano, amico del cardinale Siri, Gaslini compie un altro decisivo passo nel 1949, quando costituisce la Fondazione che ne porta il nome, un ente di diritto pubblico cui dona in vita l'ingente suo intero patrimonio. Una fondazione holding, questa, un modello originale per struttura e scopi, che usa il profitto d'impresa al fine di sostenere e potenziare l'attività non profit dell'Istituto Giannina Gaslini. Di Gerolamo Gaslini, uomo schivo e solitario, ben poco si conosceva prima di questa ricerca su documenti inediti di archivi pubblici e privati e su dati d'impresa originali elaborati da Roberto Tolaini. La vicenda del Rockefeller d'Italia richiama questioni e domande attorno ai delicati rapporti tra etica e affari, politica e impresa, fede e laicità.