وُجِدَت 3 وثائق.

L'uomo senza qualità
0 0 0
كتب عصرية

Musil, Robert <1880-1942>

L'uomo senza qualità / Robert Musil ; a cura di Ada Vigliani ; con uno scritto di Ingeborg Bachmann

OscarMondadori, 2013

نبذة مختصرة: Ulrich, l'uomo senza qualità, di qualità ne ha tante e straordinarie, ma non riesce a indirizzarle verso uno scopo. Ha ormai passato i trent'anni e ha alle spalle una breve carriera di ufficiale, studi di ingegneria e matematica, accompagnati da vaste letture in tutti i campi del sapere, quando viene nominato segretario del comitato che organizza le celebrazioni per il settantesimo anniversario dell'ascesa al trono di Francesco Giuseppe, che cadrà nel dicembre 1918. Un'attività che prende il nome di Azione parallela perché si contrappone ai festeggiamenti che i cugini tedeschi stanno organizzando per i trent'anni di regno di Guglielmo II, nel giugno del medesimo anno. La narrazione dei progressi dell'Azione parallela, scarsi fino all'insuccesso, si interseca nel romanzo con quella di vicende private, come la crisi della coppia formata da Walter e Clarisse o il complesso legame che unisce Ulrich alla sorella Agathe, e di vicende sociali a carattere esemplare, come quella di Christian Moosbrugger, condannato a morte per l'assassinio di una prostituta. La trama lascia ampio spazio a divagazioni e introspezioni, oltre che a complesse simbologie, sempre interpretabili da molteplici direzioni. In ogni pagina di questo capolavoro incompiuto, fondamentale nella storia della letteratura al pari della Recherche di Proust, dell'Ulisse di Joyce, dei libri di Kafka, Rilke e Mann, rifulgono i frammenti di una struttura in perenne movimento. Con uno scritto di Ingeborg Bachmann.

Pnin
0 0 0
كتب عصرية

Nabokov, Vladimir Vladimirovic <1899-1977>

Pnin / Vladimir Nabokov ; traduzione di Elena De Angeli

Milano : Adelphi, copyr. 1998

Gli uccelli
4 1 0
كتب عصرية

Vesaas, Tarjei <1897-1970>

Gli uccelli / Tarjei Vesaas ; introduzione di Silvia Epifani De Cesaris

Milano : Iperborea, copyr. 1990

نبذة مختصرة: La vita vista attraverso gli occhi di un «Idiota», di un «povero di spirito» che nelle fiabe popolari da cui sembra uscito sarebbe chiamato «lo scemo del villaggio». E come nelle fiabe Mattis vive con la sorella Hege in una casetta ai margini del bosco, alle prese però con reali e vani tentativi di rendersi utile, di lavorare come gli altri, di integrarsi in una società che, pur circondandolo di un’affettuosa benevolenza contadina, non può fare a meno di ridere di lui. Ma è solo nel mondo della logica, delle convenzioni, della razionalità, che esiste la stupidità di Mattis, capace invece di sentire con immediatezza ciò che sfugge alla comprensione altrui, dal fluttuare della nebbia al battito di un’ala, alle pause e i silenzi che rivelano l’inconsapevole o l’inespresso nei rapporti umani. Perché come in tutti i marginali e i visionari di Vesaas, altro è il suo modo di intendere il mondo, e il suo sguardo di sognatore smarrito gli fa vedere attraverso una lente d’ingrandimento quello che non vedono «i forti e gli intelligenti». Gesti impercettibili, incontri, le impronte di una beccaccia, l’invisibile scia luminosa lasciata da un volo d’uccelli sono messaggi cifrati in cui legge presagi di gioia o di dolore. E se così profonda è in lui la felicità di un attimo di contemplazione, Mattis è proprio per questo condannato a soffrire, della sofferenza altrui e della propria solitudine, e, come la sua beccaccia, a rimanere vittima dell’implicita violenza della vita.