Qualificazioni delle voci di autorità

Quando si crea una nuova voce, la prima videata che il software presenta è quella delle qualificazioni; di seguito indicazioni per la compilazione

  • tipo authority (prima tendina): si compila sempre; le tipologie di authority da utilizzare sono solo quelle presentate di seguito
  • categoria tesaurale (seconda tendina): si compila sempre; la categoria di riferimento segue la categorizzazione del Nuovo Soggettario
  • note:
    • per le voci presenti nel Nuovo Soggettario, si compila il campo esclusivamente con quanto riportato in esso; si usano Nota generale e Scope note, quest'ultima per indicazioni in cui si rimanda ad un'altra voce per significati diversi
    • per i nomi propri (persone/enti) si usa la nota biografica per la  compilazione del record d'autorità
  • legami con authority:  per tutte le voci si seguono le indicazioni date al paragrafo Struttura/relazioni gerarchiche; in più, per le voci presenti nel Nuovo Soggettario, si riportano le relazioni lì presenti
  • stato dell'intestazione: in fase di creazione di una voce si usa esclusivamente Forma controllata (ogni voce nuova inserita deve essere controllata); altra voce utilizzabile, solo in lavori di manutenzione, è Da revisionare

Qualificazioni delle voci
Si qualifica qualsiasi voce generica sia necessario distinguere da omonimi; se la voce è tra quelle presenti nel NS, si qualifica con il BT di riferimento
       esempi:
                    Croci <casa editrice>    
                    Croci <oggetti sacri cristiani>
                    Ambiente <casa editrice>
                    Ambiente <spazio>

Si qualificano tutti i nomi propri; la scelta della qualifica da usare segue le Reicat.

Si stabilisce a priori quali qualificazioni usare nel caso di professioni che possono essere definite da termini diversi. In questa tabella un primo elenco di termini in costante aggiornamento

  • si qualificano le persone  applicando il  paragrafo 15.3 delle Reicat. La qualifica si ricava da informazioni presenti sul documento o reperite nel fare ricerche per la catalogazione; se la qualifica non è certa (date assenti, professione/ambito di attività non definito) si omette
           esempi:
                         Piumini, Roberto <1947->
                         Rossi, Paolo <1923-2012>
                         Dorotea, santa <-311>
                         Capirola, Vincenzo <1474-dopo il 1548>
                         Aristoteles <384/83 a.C.-322 a.C.>
                         Esopo <circa 620 a.C.-circa 560 a.C.>
                         Martini, Simone <1284?-1344>
                         Paolo da Caylina <fl. 1420-1486>
                         Fazio, Sabrina <psicologa>
  • si qualificano con le regole date al paragrafo anche i i rinvii

          Attenzione: il rinvio al nome con la qualifica della professione non si fa sempre, ma solo
          quando bisogna  distinguere due  omonimi
                 esempio:
                                 Capirola, Vincenzo <1474-dopo il 1548>
                                 nessun rinvio
                                 Capirola, Vincenzo <compositore>

  • si qualificano i personaggi letterari e cinematografici con il nome dell'autore/creatore; qualora non sia possibile risalire ad un autore, si usa la qualifica più appropriata possibile; come ultima opzione si usa <personaggio>
           esempi:
                        Pimpa <personaggio di Altan>
                        Bond, James <personaggio di Ian Fleming>
                        O'Brian, Daisy <personaggio della serie Chica vampiro>
                        Fireman Sam <personaggio della serie televisiva>
                        Barbie <personaggio della Mattel>
  • flora e fauna: se necessario qualificare voci di queste categorie, si usano rispettivamente <pianta> e <animale>, non, come da regola generale, il BT di riferimento
           esempi:
                        Rosa <genere fiction>
                        Rosa <pianta>
                        Lupi <famiglia>
                        Lupi <animali>
  • si qualificano sempre gli enti con il luogo in cui hanno sede, quando non sia più conveniente qualificarli diversamente (ad esempio con la ragione sociale, Reicat 16.3)
           esempi:
                        Palazzo Ducale <Mantova>
                        Franco Angeli <casa editrice>
                        Passe-partout <associazione culturale>
                        Castello <casa editrice ; Cagliari>
                        Castello <casa editrice ; Viadana>
                        Il *Castello <casa editrice ; Cornaredo>
                        Arnoldo Mondadori editore <Milano>
                        Associazione nazionale partigiani d'Italia <Roma>
                        Associazione culturale Il Maestrale <Palazzolo sull'Oglio>

    • qualora si qualifichi un ente con il luogo ed i luoghi da segnalare siano più di uno (per cambio di sede o perché l'ente ha più sedi) si trascrivono tra uncinate separati da spazio punto e virgola spazio; se i luoghi da segnalare sono più di tre, si trascrive tra uncinate il primo seguito da etc.
  • si qualificano gli pseudonimi collettivi, ad esclusione di quelli che si presentano come nomi propri
           esempio:
                          Malta <pseudonimo collettivo>
                          ma
                          Hart, Raven
                          rinvio da Ellis, Virginia <coautore con pseudonimo collettivo Raven Hart>
                                          Goggins, Susan <coautore con pseudonimo collettivo Raven Hart>
  • si qualificano i nomi geografici solo in caso di omonimie con altri toponimi
           esempio:
                          New York <territorio dello Stato>
                          New York <città>
  • per le indicazioni cronologiche, si qualificano sempre e solo le date avanti Cristo; la forma corretta è a.C.; si precisa che si qualifica ogni singola data, non il lasso di tempo
           esempio:
                          324 a.C.-237 a.C. non 324-237 a.C.