Community » Forum » Reviews

Signoramia
2 1 0
Dallorso, Elena <giornalista> - Nicchiarelli, Francesco

Signoramia

Feltrinelli, 2019

Abstract: Inizia tutto con uno scambio di ricette. È così che Francesca, bibliotecaria milanese, conosce Fabio, ingegnere romano. Solo che il blog è quasi del tutto femminile, per cui Fabio non ci ha pensato nemmeno un secondo e, semplicemente, si è finto una donna facendo entrare in scena Maria. Doveva essere solo un gioco, il desiderio innocente di avere accesso a un circolo di persone che condividono la stessa passione per i fornelli, ma tra i due piano piano si sviluppa un'intesa. Di mail in mail, dai consigli di cucina passano a raccontarsi le loro vite: Francesca è sposata, con una famiglia caotica da gestire e una vita fin troppo pianificata; Fabio/Maria è più sregolato, single, reduce dall'ennesimo fallimento sentimentale. Diversissimi sulla carta, hanno invece un'istintiva affinità nell'approccio ai fornelli e alla vita. All'impiattamento preferiscono la sostanza e, come parola chiave, la "semplicità": ingredienti genuini e tanta cura, in cucina come nei rapporti affettivi. Protetti dalle loro tastiere e da 632 chilometri di distanza, costruiscono un'amicizia complice e giocosa, sempre più stretta. Superano perfino un incontro a Roma in cui Fabio convince un'amica a prendere il suo posto pur di coprire la sua bugia, finché la verità emerge. Faranno pace? Si innamoreranno o resteranno amici?

87 Views, 1 Posts
Alice Raffaele
46 posts

La storia (non riesco a chiamare "romanzo" questa raccolta di e-mail e messaggi su WhatsApp) è leggera, carina e appetitosa, grazie soprattutto alla marea di ricette descritte nei più piccoli dettagli. Il libro si legge volentieri in due-tre ore, proprio per via dell'assenza totale di descrizioni e narrazioni. I personaggi sono abbastanza caratterizzati: li si riesce a inquadrare attraverso le risposte dei loro interlocutori; tuttavia sono alquanto stereotipati, perciò immaginarli non è difficile.
Non mi ha lasciato molto (a parte la fame), forse un pochino di curiosità. Ogni tanto ci vuole un racconto non impegnativo: mi è sembrato di guardare una commedia senza troppe pretese, che strappa comunque qualche sorriso.
Quindi come mai ho dato solo due stelle? Appunto perché non è un romanzo vero e proprio e perché l'idea non è nuova, basti pensare a "Le ho mai raccontato del vento del nord?", a "C'è posta per te", etc. L'originalità starebbe forse nelle ricette? Non saprei.
Ho apprezzato comunque molto le cinque leggi della nonna Wanda nell'appendice alla fine.

  • «
  • 1
  • »

7055 Posts in 5763 Topics by 834 members

Currently online Ci sono 13 utenti online