Community » Forum » Reviews

Conversazione su Tiresia
3 1 0
Camilleri, Andrea <1925-2019>

Conversazione su Tiresia

Sellerio, 2019

Abstract: Conversazione su Tiresia è un racconto articolato che ricostruisce la storia del celebre indovino attraverso i secoli, con 63 versioni del mito declinato in età antica e moderna da scrittori, poeti, filosofi, drammaturghi. E discorrendo dell’indovino cieco Camilleri si abbandona al racconto, narra di miti e di dèi, di libri e scrittori, di uomini e donne, di teatro e personaggi, di sé e dell’oggi, di cecità e preveggenza, e lo fa nel modo mirabile che i lettori gli conoscono. Il destino di un protagonista letterario si snoda dalla tragedia greca - ben quattro raccontano la storia di Tiresia - a Omero, Dante, Eliot, Apollinaire, Primo Levi e tanti altri; persino Woody Allen lo fa apparire in un suo film.

64 Views, 1 Posts

Quest'opera fu rappresentata nel 2018 al Teatro Greco di Siracusa e la si può considerare l'ultima fatica del buon Andrea Camilleri. Si raccontano in un'ora e trenta le peripezie letterarie e umane di Tiresia che per uno sgarro compiuto involontariamente nei confronti di Zeus, da uomo che era, venne tramutato in donna.
Quello che lo sconcertò non fu il cambio degli attributi sessuali ma la convivenza con un cervello femminile: sempre agitato, frastornato da mille esigenze quotidiane e quesiti mondani , mai calmo, ma sempre alle prese con nuovi problemi, senza pace, senza riposo. Un inferno!
Ma Tiresia troverà un modo per tornare uomo. E questo gli procurerà nuovi problemi.
Si narra che Zeus ed Era, alla fine del loro primo amplesso, della durata di trecento anni, preliminari compresi, finirono col litigare su un punto abbastanza dibattuto e controverso, ossia se durante l'atto sessuale godesse di più il maschio o la femmina. Il quesito fu girato a Tiresia che, essendo stato entrambe le cose era in grado di dare un giudizio obiettivo. Indeciso sul da farsi, doveva in ogni caso disilludere uno dei due. Spiegò che esiste una specie di scala Mercalli che stabilisce il piacere provato e questa scala va da uno a dieci. Sentenziando che la donna gode nove e l'uomo uno. Non l'avesse mai detto! Purtroppo per lui la risposta contraddiceva ciò che Era sosteneva. Così per punizione lei lo accecò. Nemmeno Zeus poté farci nulla e come consolazione gli donò il potere della chiaroveggenza e sette vite come i gatti. Ma che volete? Vivere quasi in eterno, ciechi e preveggenti, è una bella disgrazia.
I fatti lo dimostrarono.
Tiresia non è morto. Di lui parlarono poeti, filosofi, storici, da Omero, Esiodo, Ovidio su su fino a Eliot, Pasolini e Primo Levi. Quest'ultimo nel suo libro "La chiave a stella" gli dedicò un racconto, spiegando che, immerso nell' orrore del campo di concentramento, rischiò pure lui una metamorfosi peggiore della sua: quella da uomo a non uomo. Conclude Primo Levi affermando che a salvarlo fu la poesia.

  • «
  • 1
  • »

7078 Posts in 5785 Topics by 836 members

Currently online Ci sono 3 utenti online