Cremona

(Luogo di edizione)

Thesaurus
Più generale (BT)

Opere collegate

Found 1773 documents.

Related search results: Rete Bibliotecaria Bergamasca

La simbologia del movimento
0 0 0
Modern linguistic material

Lapierre, Andre' - Aucouturier, Bernard <1934->

La simbologia del movimento : psicomotricità ed educazione / A. Lapierre, B. Aucouturier

Cremona : Edipsicologiche, [198-?]

Giorgio e il panino gigante
0 0 0
Modern linguistic material

Gaudesaboos, Pieter <1979-> - Francis, Lorraine

Giorgio e il panino gigante / Peter Gaudesaboos & Lorraine Francis

Timpetill, 2012

Abstract: Età di lettura: da 4 anni.

Tutino non ha sonno
0 0 0
Modern linguistic material

Clerici, Lorenzo <1986->

Tutino non ha sonno / Lorenzo Clerici ; [versione in simboli curata dal Gruppo Inbook RBC]

[S.n., 2019]

Abstract: Tutino ama giocare all'aria aperta, indossa buffe tute da animaletto e trova tane dappertutto...

Lo sguardo riscoperto di Cecilia Gallerani
0 0 0
Modern linguistic material

Asinari, Danio <1969->

Lo sguardo riscoperto di Cecilia Gallerani : storia e modernità della "Dama con l'ermellino" / Danio Asinari

[Comune di San Giovanni in Croce], 2020

Abstract: Il volume vede al centro la figura di Cecilia Gallerani, immortalata da Leonardo Da Vinci nel famoso dipinto conosciuto come “Dama con l’ermellino”, di casa a San Giovanni in Croce in quanto visse nel castello oggi conosciuto come Villa Medici del Vascello. L'autore mette mette in luce i tratti di una donna intraprendente, colta e carismatica, desiderosa di affermarsi in una società patriarcale e maschilista, e il suo legame con San Giovanni in Croce dove trascorse parte della sua non breve vita. Cecilia, favorita del Duca di Milano Ludovico Sforza, detto il Moro, divenne nel 1492 Contessa di San Giovanni in Croce, in virtù del suo matrimonio con il titolare del feudo Ludovico Carminati Bergamini. Nel celebre ritratto Leonardo ha saputo esaltarne non solo la bellezza fisica, ma anche la raffinatezza, l’intelligenza e la grazia, tratti che emergono nitidamente leggendo il libro.

Storia delle comunità ebraiche a Cremona e nella sua provincia
0 0 0
Modern linguistic material

Bontempi, Franco <1947->

Storia delle comunità ebraiche a Cremona e nella sua provincia / Franco Bontempi

[Cremona?] : Società per la storia del popolo ebraico, stampa 2002

Abstract: Storia della comunita' ebraica nel territorio di Cremona. L'autore e' nato aCedegolo nel 1947

Otto va in città
0 0 0
Modern linguistic material

Schamp, Tom <1970->

Otto va in città / Tom Schamp

[Cremona] : Timpetill, 2011

Abstract: Età di lettura: da 4 anni.

Tutino ha un po' di fame
0 0 0
Modern linguistic material

Clerici, Lorenzo <1986->

Tutino ha un po' di fame / Lorenzo Clerici ; [versione in simboli curata dal Gruppo Inbook RBC]

[S.n., 2019]

Abstract: Tutino ama giocare all'aria aperta, indossa buffe tute da animaletto ed è bravo a fare provviste....

Le mani fan cic ciac
0 0 0
Modern linguistic material

Allegri, Margherita <1977->

Le mani fan cic ciac / storia Vittorio Venturini ; disegni Margherita Allegri

Matti da rilegare, 2020

Abstract: Lavarsi le mani è importante e i protagonisti di questa storia lo fanno in maniera divertente. Un fumetto pensato per bambini che ancora non sanno leggere, con vignette di facile interpretazione e senza parole. Il libro è accompagnato da una canzone che fa da testo alle immagini ( si può ascoltare su www.mattidarilegare.it/musica). All'interno si trova anche un simpatico poster da appendere vicino al lavandino.

L'asinello di Santa Lucia
0 0 0
Modern linguistic material

Spotti Anni, Clara

L'asinello di Santa Lucia / Clara Spotti Anni ; illustrazioni di Sabrina Spotti

[Cremona] : Libreria del Convegno, copyr. 2009

Angelo Crespi
0 0 0
Modern linguistic material

Bonomi, Giovanni

Angelo Crespi / Giovanni Bonomi

Padus, 1961

Badante diabolica
0 0 0
Modern linguistic material

Guiduzzi, Giuseppe <pseudonimo>

Badante diabolica : le tre vittime di Teresa Ravani, Cremona 1922 / Giuseppe Guiduzzi

Apostrofo, 2014

Abstract: Tra i mesi di maggio e giugno del 1929, viene processata a Cremona la badante Teresa Ravani, accusata dell'omicidio di tre donne. Le prove sono schiaccianti, ma in sua difesa scendono in campo i principi del Foro locale, che riescono grazie a una straordinaria abilità e competenza a farla dichiarare innocente, convincendo la Corte della incapacità d'intendere e volere della donna. Il coinvolgimento dei grandi avvocati difensori è frutto della caparbia volontà di una seconda badante, Teresina Rottoli, già fidanzata con un sindacalista rivoluzionario, Alfredo Turotti, seguace di Filippo Corridoni, entrambi interventisti alla vigilia della prima guerra mondiale e volontari caduti in battaglia. In fin dei conti Teresina è il demiurgo in gonnella che dimostra come la forza del potere e l'intrigo possano prevalere nei confronti di ogni altra supposta logica.

Cognomi della Lombardia
0 0 0
Modern linguistic material

Ferrari, Valerio <1953-> - Finocchiaro, Andrea

Cognomi della Lombardia : dizionario storico etimologico : il Cremasco, il Cremonese, il Casalasco / di Valerio Ferrari, Andrea Finocchiaro ; edizione con alfabeto figurato tratto dal Taccuino di disegni di Giovannino De Grassi, (sec. XIV-XV)

Mauri 1969, 2013

Abstract: Dizionario dei cognomi relativo al territorio della provincia di Cremona

La Chiesa di Santa Maria delle Grazie in Soncino
0 0 0
Modern linguistic material

Manzoni Di Chiosca, Giuseppe

La Chiesa di Santa Maria delle Grazie in Soncino / a cura di Giuseppe Manzoni di Chiosca

Cremona : Camera di commercio, industria, artigianato, agricoltura, 1984

Abstract: Saggio sulla chiesa di Santa Maria delle Grazie di Soncino

Parlaa nustraan
0 0 0
Modern linguistic material

Parlaa nustraan : modi di dire in dialetto cremonese dalla rubrica di RadioCremona El canton del dialet / [a cura di] Luciano Dacquati

[Cremona] : Lo sport cremonese, 1979

Abstract: Raccolta di proverbi e modi di dire in dialetto cremonese, raccolti da Luciano Dacquati, giornalista e poeta vernacolo cremonese.

Le stanze dei Magio
0 0 0
Modern linguistic material

Bellingeri, Lia - Colace, Raffaella - Bottoni, Isabella

Le stanze dei Magio : l' appartamento meridionale di Palazzo Affaitati ed il suo arredo / a cura di Marco Tanzi ; testi di Lia Bellingeri, Raffaella Colace, Isabella Bottoni

Cremona : Linograf, 1997

Ottocento cremonese
0 0 0
Modern linguistic material

Ottocento cremonese

Cremona : Turris

Abstract: Saggi sull'architettura del XIX secolo a Cremona e provincia

La paura del pubblico
0 0 0
Modern linguistic material

Havas, Kató <1920-2018>

La paura del pubblico : cause e rimedi : con particolare riferimento ai violinisti / Katò Havas ; traduzione di Monica Cuneo

Cremona : Cremonabooks, copyr. 2002

Modi di dire cremonesi
0 0 0
Modern linguistic material

Cazzaniga, Antonio

Modi di dire cremonesi / Antonio Cazzaniga ; con prefazione di Angelo Monteverdi

Cremona : Comitato promotore di studi e ricerche di dialettologia, storia e folklore cremonese, 1981

Abstract: Raccolta dei modi di dire propri del dialetto cremonese

Te'l dighi in cremunees
0 0 0
Modern linguistic material

Dacquati, Luciano <1940-2010>

Te'l dighi in cremunees : modi di dire e frasi dialettali dai secoli scorsi ai nostri giorni / Luciano Dacquati

Cremona : Cremonabooks, copyr. 2006

Abstract: Raccolta di modi di dire e frasi in dialetto cremonese.

Aurelio Betri e gli altri
0 0 0
Modern linguistic material

Bondioni, Elisabetta <1966-> - Regis, Giuliano

Aurelio Betri e gli altri : Cremona letta dai fotografi fra Otto e Novecento / Elisabetta Bondioni, Giuliano Regis

Libreria del Convegno, 2010

Abstract: Cremona letta dai fotografi fra Otto e Novecento racconta per immagini la storia della città tra il 1868 — anno in cui Aurelio Betri realizza la sua prima serie di fotografie a monumenti e luoghi di interesse — e il 1912, limite temporale che si sono dati i curatori Elisabetta Bondioni e Giuliano Regis. Il volume illustra i principali cambiamenti urbanistici della città che in pochi decenni vide l’abbattimento della chiesa e del convento di San Domenico e la creazione dei giardini pubblici; l’eliminazione delle porte cittadine; l’avvicinarsi al Po con la costruzione di abitazioni lungo il viale; la ‘liberazione’ della cattedrale da case e botteghe che le erano state costruite a ridosso. E i fotografi — Betri, ma anche Bertani, Novaresi, Boni, Zanicotti e un amatore quale Giovanni Casella — erano lì a documentare, a mostrare il prima e il dopo.