Relazioni internazionali

(Argomento)

Thesaurus
Rinvio da (UF)
Più generale (BT)
Più specifico (NT)
Vedi anche (RT)

Opere collegate

Found 368 documents.

Per amor proprio
0 0 0
Modern linguistic material

Fubini, Federico <1966->

Per amor proprio : perchè l'Italia deve smettere di odiare l'Europa (e di vergognarsi di sè stessa) / di Federico Fubini

Longanesi, 2019

Abstract: Secondo Fubini, la lotta politica in Italia è piena di odio e di colpi bassi, ma gli italiani riconoscono l'Italia come il loro spazio identitario comune. L'Europa d'altra parte è il luogo del nostro futuro e del presente, e il racconto sull'Europa va tolto agli europeisti di facciata nostrani, per i quali noi siamo sempre i brutti anatroccoli e gli altri hanno sempre ragione. Per gli italiani è arrivato infatti il momento di capire che se vogliono davvero fare i propri interessi devono imparare a rivendicarli con forza e determinazione, senza che questo significhi in alcun modo indebolire o distruggere il sistema europeo. Per farlo occorre però prima di tutto togliere l'Europa ai professionisti dell'europeismo per restituirla ai nostri figli, e a noi stessi. Senza complessi di inferiorità. La politica nel nostro paese è piena di odio e colpi bassi, ma tutti riconosciamo nell’Italia la nostra identità comune. Dobbiamo accettare che lo stesso valga per l’Europa, perché è la nostra realtà del ventunesimo secolo. Rendere tabù qualunque dubbio sulle scelte di Bruxelles¸ come fanno gli europeisti a ogni costo secondo i quali noi italiani abbiamo sempre torto e gli altri sempre ragione, non ha fatto che regalare il monopolio della critica a chi l’Europa vuole distruggerla. E rendere tabù l’amor proprio nazionale ne ha lasciato l’esclusiva a chi lo usa come una clava. Per l’Italia, invece, la scelta non è fra Bruxelles e la via sovranista, ma fra l’integrazione con gli europei e la sottomissione all’impero degli altri: russi, cinesi, americani o i colossi del Big Tech. Per gli italiani è arrivato il momento di capire che se vogliono davvero fare i propri interessi devono imparare a rivendicarli con forza e determinazione, senza che questo significhi in alcun modo indebolire o distruggere il sistema europeo. Per farlo occorre però prima di tutto togliere l’Europa ai sovranisti e agli europeisti di professione, per restituirla ai nostri figli, e a noi stessi. Senza arroganza, né complessi di inferiorità. "Per amor proprio" è un saggio sulla crisi d’identità di noi italiani e il bisogno di ritrovare il senso del nostro posto in Europa.

Il secolo asiatico?
0 0 0
Modern linguistic material

Khanna, Parag <1977->

Il secolo asiatico? / Parag Khanna ; traduzione di Thomas Fazi

Fazi, 2019

Abstract: Il XIX è stato il secolo europeo. Il XX il secolo americano. Il XXI sarà il secolo asiatico? L'Asia si sta affermando come un sistema multipolare che va dall'Arabia Saudita al Giappone, dalla Russia all'Australia, estendendosi ben oltre il cosiddetto Estremo Oriente. In questo contesto, la Belt and Road Initiative, il grande progetto volto al rafforzamento delle infrastrutture e della cooperazione tra i paesi dell'Eurasia, è il primo passo mosso dalla Cina nella creazione di una nuova Via della Seta. Tuttavia, pur vedendosi riconosciuto lo status di potenza globale, la Cina non detiene un ruolo egemonico all'interno del sistema asiatico. Non si tratta più infatti, sottolinea lo studioso di relazioni internazionali Parag Khanna, di sapere chi sia il numero uno a livello mondiale, ma di capire quali sono i pilastri del nuovo ordine globale e come si stanno ridefinendo i loro rapporti: da una parte, la Cina rappresenta il motore principale nel processo di formazione del megasistema asiatico; dall'altra, le strategie militari ed energetiche, così come il governo tecnocratico e il conservatorismo sociale di impronta asiatica stanno necessariamente riorientando gli Stati Uniti e l'Europa. Il secolo asiatico metterà in discussione l'ordine unipolare occidentale, produrrà una fase di transizione del potere, ma non avrà come inevitabile conseguenza uno scontro tra le maggiori potenze quali Stati Uniti e Cina. Ripercorrendo in una prospettiva asiatica la storia interna del megacontinente e il rapporto con l'Occidente, Khanna indaga il significato del fenomeno geopolitico e culturale chiamato "Asia", fino ad affrontare il tema di un'ineludibile "asianizzazione del mondo". Il futuro si prospetta dominato da una multipolarità globale, che non vedrà l'imporsi della Cina né il sostituirsi dell'Asia agli Stati Uniti e all'Europa.

Sono tutti uguali
0 0 0
Modern linguistic material

Harvey, Steve <1957->

Sono tutti uguali : tutto quello che vi serve sapere sugli uomini / Steve Harvey ; con Denene Millner

Milano : Piemme, 2010

Abstract: Voi donne siete creature complicate. Avete un sacco di bisogni, lo dico sempre che per ogni donna ci vorrebbero quattro uomini: uno vecchio, uno brutto, un Mandingo e un gay. Quello vecchio per le coccole e i regali, quello brutto che si accolla tutte le incombenze, grato solo che uno splendore di donna come voi lo degni di attenzione, il Mandingo beh, va da sé a cosa serve, e quello gay per lo shopping e per spettegolare sui regali di quello vecchio e sulle performance del Mandingo. Gli uomini, al contrario, sono semplici. Non ci vuole davvero molto per renderci felici. Infatti sono tre le cose di cui ogni uomo ha bisogno - appoggio, fedeltà e 'il biscottino premio'. Tre cose e basta. E sono qui per dirvi che sì, è proprio così semplice. Ebbene sì, come le donne hanno sempre sospettato, gli uomini sono tutti uguali. Quindi basta imparare poche basilari nozioni e non solo sarà facile riconoscere e conquistare quello giusto, ma sarà un gioco tenerselo. Almeno finché si vuole. Diretto, chiaro ed efficace, una miniera di informazioni su come gli uomini vivono le relazioni, il lavoro, il sesso, sulle domande giuste da fare e su quelle da autocensurarsi. E su come farsi sempre trattare da signore. Perché è vero, gli uomini sono tutti uguali e le donne sono esigenti. Ma l'altra bella notizia è che loro le preferiscono così.

I falsari
0 0 0
Modern linguistic material

Parenzo, David <1976->

I falsari : come l'Unione europea è diventata il nemico perfetto per la politica italiana / David Parenzo

Marsilio, 2019

Abstract: In tutto il continente, come in una sorta di caccia alle streghe, le forze politiche emergenti si stanno coalizzando per mettere fine al progetto di un'Europa «unita nella diversità». In Italia, in particolare, siamo passati da Roma ladrona allo spauracchio della perfida Bruxelles, mentre chi inveiva contro la Casta ora siede nei banchi del governo, mettendo ogni giorno a repentaglio tenuta economica e reputazione internazionale del paese. Ma a chi giova davvero inimicarsi l'Unione europea? E qual è il suo peso reale nella vita di tutti i giorni? Per raccontare un fenomeno tra i più subdoli e destabilizzanti degli ultimi anni, con tono irriverente David Parenzo accompagna il lettore in un viaggio nelle istituzioni europee, con le loro virtù e contraddizioni, e smaschera le bufale dei «falsari» che lanciano accuse infondate contro i presunti lobbisti che si nasconderebbero nell'Europarlamento e gli sprechi dei burocrati di Strasburgo. Attraverso interviste esclusive, dati e analisi delle questioni più scottanti, Parenzo mostra gli ingranaggi che reggono la macchina comunitaria e muove un atto d'accusa contro i complottisti di tutta Europa, da Marine Le Pen a Viktor Orbán, da Matteo Salvini a Giorgia Meloni. Per fare chiarezza e, soprattutto, per capire che direzione prenderanno l'Italia e il mondo nei prossimi anni.

Scacco all'Europa
0 0 0
Modern linguistic material

Taino, Danilo <1955->

Scacco all'Europa : la guerra fredda tra Cina e Usa per il nuovo ordine mondiale / Danilo Taino

Solferino, 2019

Abstract: Ogni ordine mondiale è destinato a crollare. Quello eurocentrico è finito da tempo e la Pax Americana che ne ha preso il posto è a sua volta in declino, sfidata dalla «giovane» potenza cinese. La guerra commerciale che si è scatenata con l’offensiva americana sui dazi ne è la prima conseguenza e tenta di frenare l’espansione di Pechino che sotto la guida di Xi Jinping mira all’egemonia in Asia ed Europa, con pressioni politiche ed enormi investimenti. Come la Belt and Road Initiative, la nuova Via della Seta, progetto da mille miliardi di dollari che punta a costruire infrastrutture (strade, ferrovie, porti, centri di scambio) tra la Cina, l’Europa e l’Africa, offrendo lauti finanziamenti a Paesi poveri ma strategici che finiscono sotto il giogo del nuovo Impero di Mezzo. In queste pagine Danilo Taino spiega il conflitto in corso in un brillante reportage di prima mano che ci accompagna a scoprire l’impressionante avanzata della «Cintura di Seta» cinese, e i luoghi in cui il mondo sta cambiando – Singapore, Hong Kong, Kuala Lumpur, Delhi, Il Cairo, Duisburg, Berlino – insieme ai fronti di maggiore tensione, dalle Maldive al Bengala, dall’Afghanistan al Canale di Suez. Un viaggio tra storia, retroscena e protagonisti dello scontro tra grandi potenze con al centro l’Europa malata, in preda a una crisi politica ed economica, e destinata a trasformarsi in terreno di conquista da parte di Pechino e Mosca, se non abbandonerà l’illusione di essere ancora al centro del mondo.

Storia internazionale
0 0 0
Modern linguistic material

Varsori, Antonio <1951->

Storia internazionale : dal 1919 ad oggi / Antonio Varsori

Il Mulino, 2015

Storia della politica internazionale nell'età contemporanea
5 0 0
Modern linguistic material

Formigoni, Guido <1958->

Storia della politica internazionale nell'età contemporanea / Guido Formigoni

Nuova ed

Bologna : Il mulino, 2006

Ordine mondiale
0 0 0
Modern linguistic material

Kissinger, Henry A. <1923->

Ordine mondiale / Henry Kissinger

Mondadori, 2015

Abstract: Henry Kissinger, ex segretario di Stato americano durante la presidenza Nixon e Ford, rimane, nonostante i suoi novantun anni, uno dei maggiori esperti di politica internazionale. In questo nuovo saggio Kissinger traccia con chiarezza e visione i possibili futuri scenari globali: dalla questione tra Russia e Ucraina, alla crisi mediorientale, per finire con la minaccia dell'Isis e la nuova guerra che il presidente americano Barack Obama è pronto a iniziare contro lo Stato Islamico.

La logica di potenza
0 0 0
Modern linguistic material

Mearsheimer, John J.

La logica di potenza : l'America, le guerre, il controllo del mondo / John Mearsheimer ; prefazione di Sergio Romano

Milano : Università Bocconi, 2003

Abstract: Il libro è stato pubblicato negli Stati Uniti dopo il crollo delle Torri. L'attacco portato sul suolo americano e il realismo con cui Mearsheimer descrive il crudo mondo della politica internazionale l'hanno reso uno dei testi fondamentali per capire e affrontare le nuove insidie del XXI secolo. L'autore espone una teoria compiuta delle relazioni fra grandi potenze, dall'avvento della guerra moderna con Napoleone Bonaparte fino alla dissoluzione dell'Unione Sovietica e all'incerto decennio del dopo guerra fredda.

New York ore 8.45
0 0 0
Modern linguistic material

New York ore 8.45 : la tragedia delle torri gemelle raccontata dai premi Pulitzer / a cura di Simone Barillari ; traduzione di Ada Arduini ... [et al.] ; prefazione di Andrea Purgatori

Roma : Minimum fax, 2006

Abstract: La terza uscita della serie Indi-Pulitzer è dedicata all'evento che ha cambiato la storia del pianeta, alla data che forse più d'ogni altra ha segnato la contemporaneità: New York, 11 settembre 2001, ore 8.45, l'attacco alle Torri Gemelle. A cinque anni da quella data, minimum fax raccoglie in un volume i migliori articoli usciti nei giorni successivi alla tragedia sulle tre testate americane più importanti - New York Times, Washington Post e Wall Street Journal - e poi premiati dal Pulitzer. I drammatici racconti dei sopravvissuti, le testimonianze dei piccoli grandi atti di eroismo nella ricerca dei corpi, l'analisi delle ragioni dell'attacco terroristico, fino ai dubbi di una corresponsabilità dell'amministrazione Bush nel non saper prevedere una catastrofe annunciata: le migliori penne del giornalismo americano, da Bob Woodward a Judith Miller, spiegano come e perché sia potuto accadere ciò che si pensava non sarebbe mai accaduto. Completano il volume le vignette satiriche dei cartoonist vincitori del premio Pulitzer, e la prefazione di Furio Colombo.

Qatar papers
0 0 0
Modern linguistic material

Chesnot, Christian <1966-> - Malbrunot, Georges <1962->

Qatar papers : il libro nero dell'Islam : tutti i documenti sui finanziamenti dell'Emirato in Italia e in Europa / Christian Chesnot, Georges Malbrunot ; traduzione di Caterina Chiappa e Eliana Fantozzi

Rizzoli, 2019

Abstract: Uno dei cinque pilastri dell'Islam è la carità, l'obbligo per il fedele di «purificare» le proprie ricchezze destinandone una quota alle categorie più svantaggiate della società. Qatar Charity, organizzazione non governativa fondata a Doha nel 1992, nasce con lo scopo di assistere e migliorare le condizioni di vita dei soggetti più bisognosi, un compito che assolve non solo nei ristretti confini dell'Emirato ma anche tra le comunità islamiche di altre nazioni, destinando fondi per la costruzione di moschee, scuole, centri culturali e altri beni immobili. In un'indagine esclusiva che dall'Europa arriva all'Italia, due esperti di geopolitica mediorientale hanno seguito le ramificazioni finanziarie di Qatar Charity nel nostro continente, analizzando un'imponente mole di documenti riservati, comunicazioni interne, ricevute di versamenti. L'immagine che emerge è quella di un supporto capillare, benché molto discreto, ai movimenti islamisti europei, in particolare alle associazioni che fanno capo ai Fratelli musulmani. E tra i principali finanziatori della ong figurano persone molto vicine allo stesso emiro. Questo rapporto getta un'ombra grigia sui rapporti tra il Qatar e i Paesi europei, in un momento in cui l'Emirato, ai ferri corti con gli altri Stati arabi e accusato di fomentare il terrorismo internazionale, cerca di rilanciare la propria influenza effettuando cospicui investimenti nel vecchio continente (a cominciare dall'Italia), dall'industria al settore immobiliare fino al mondo dello sport. Ma come può l'Europa resistere al soft power dello Stato arabo, quando la sua ingerenza economica e politica ha raggiunto un livello senza precedenti?

La paura dei barbari
0 0 0
Modern linguistic material

Todorov, Tzvetan <1939-2017>

La paura dei barbari : oltre lo scontro delle civiltà / Tzvetan Todorov

Milano : Garzanti, 2009

Abstract: In un mondo dagli equilibri stravolti e diviso non più tra Oriente e Occidente o tra Nord e Sud, ma tra paesi dominati dal risentimento e paesi dominati dalla paura, è necessario riprendere in mano la riflessione sulla possibile convivenza con il diverso: l'altro, che provenendo da una cultura differente finiamo per classificare semplicemente come barbaro. L'Europa, in particolare, oggi preda della paura nei confronti dell'islam, rischia di reagire in modo violento, provocando un duplice paradosso: da una parte la paura dei barbari rischia di trasformare noi stessi in barbari; dall'altra rende il nostro avversario più forte e noi più deboli. Attraverso una riflessione che ripercorre la storia della cultura europea, Tzvetan Todorov chiarisce le nozioni di barbarie e civiltà, di cultura e d'identità collettiva, per interpretare i conflitti che oppongono oggi i paesi occidentali e il resto del mondo. Una lezione magistrale di storia e di politica, una vera e propria cassetta degli attrezzi per decifrare la reale posta in gioco del nostro tempo.

Dossier Wikileaks
0 0 0
Modern linguistic material

Maurizi, Stefania

Dossier Wikileaks : segreti italiani / Stefania Maurizi

Milano : BUR, 2011

Abstract: I misteri della Repubblica da Ustica al caso Calipari, le mazzette ai Talebani, la guerra degli americani contro la magistratura italiana, la partita per il nucleare, fatta di pressioni diplomatiche, tangenti e giochi di potere. Le trame del Vaticano, la compravendita e lo stoccaggio di armi, l'assalto delle multinazionali alle nostre istituzioni e al nostro mercato del cibo. C'è una parte del Paese che procede nell'ombra e che continua a sottrarsi all'opinione e al giudizio dei suoi cittadini. È l'Italia taciuta, non detta, che produce segreti, che coltiva rapporti sconvenienti, che si smentisce nei fatti. La stessa Italia che tuttavia non è sfuggita allo sguardo dì WikiLeaks, l'organizzazione che ha aperto gli occhi di milioni di persone sull'inquietante serie di illeciti commessi da governi, istituzioni e aziende di mezzo mondo, e messo in crisi i Servizi segreti di molte nazioni. Per la prima volta in questo libro di Stefania Maurizi - l'unica giornalista italiana a cui Julian Assange ha consegnato i database segreti di WikiLeaks - vengono rivelate le informazioni contenute nei file dedicati al nostro Paese: un percorso unitario che riproduce una preoccupante fotografia in negativo, un quadro brutale e non più trascurabile dei metodi con i quali si governa l'Italia. Prefazione di Julian Assange.

La politica internazionale nel Novecento
5 0 0
Modern linguistic material

Formigoni, Guido <1958->

La politica internazionale nel Novecento / Guido Formigoni

Bologna : Il mulino, copyr. 2007

Abstract: La Storia della politica internazionale nell'età contemporanea di Formigoni è una sintesi di vasto respiro, che prende avvio addirittura dalle premesse medievali e moderne del sistema delle relazioni internazionali quale si è sviluppato nell'Otto-Novecento. Ora Formigoni ha ripreso di quel volume la sola parte novecentesca, che di fatto è quella che oggi incontra un più diffuso interesse. A questa ripresa della parte sul ventesimo secolo ha tuttavia premesso due cospicui capitoli che tracciano le linee della storia ottocentesca, rendendo così il volume pienamente autonomo.

Relazioni internazionali
0 0 0
Modern linguistic material

Relazioni internazionali / Filippo Andreatta ... [et al.]

2. ed.

Il Mulino, 2012

Abstract: Il manuale fornisce un'esauriente introduzione alla disciplina delle Relazioni internazionali. Dopo un'analisi del ruolo dello Stato come attore protagonista nelle relazioni internazionali, sono esposte le più significative teorie liberali, realiste e istituzionaliste volte alla spiegazione della politica internazionale in epoca contemporanea. Si dà quindi conto, grazie anche a numerose esemplificazioni, delle trasformazioni radicali a cui essa è andata incontro in ambiti specifici quali la sicurezza, la globalizzazione economica e sociale, e l'identità culturale. Questa nuova edizione aggiornata approfondisce, tra l'altro, gli approcci geopolitici.

Parigi Berlino Mosca
0 0 0
Modern linguistic material

Grossouvre, Henri de

Parigi Berlino Mosca : geopolitica dell'indipendenza europea / Henri de Grossouvre ; prefazione di Pierre Marie Gallois ; traduzione di Maura Posponi

Roma : Fazi, 2004

Abstract: Dell'asse Parigi-Berlino si è diffusamente parlato nell'ultimo anno, quando, prima dello scoppio della seconda guerra del Golfo, i due paesi hanno superato di slancio tradizionali divergenze per ritrovarsi uniti, nel Consiglio di Sicurezza come in Europa, a difesa della pace. In questo libro, l'autore, un giovane geopolitico francese di ispirazione gollista, propone il consolidamento dell'asse e la sua estensione verso oriente alla Russia. L'individuazione di comuni obiettivi fra queste potenze, e dunque fra l'UE e la Russia, anche nella prospettiva di un ingresso di Mosca nell'Unione Europea, contribuirebbe alla soluzione di alcune questioni cruciali per l'Europa, come il riequilibrio delle nostre relazioni con gli USA.

Primi fra pari
0 0 0
Modern linguistic material

Clementi, Marco <1965->

Primi fra pari : egemonia, guerra e ordine internazionale / Marco Clementi

Il Mulino, 2011

Abstract: Quello internazionale è un sistema politico particolare: l'assenza di un governo mondiale comporta una situazione di sostanziale anarchia, in cui contano i puri rapporti di forza. Una costante minaccia per i più deboli, esposti al potere dei più forti e privi di metodi efficaci e permanenti per limitarlo. In questo contesto, qual è il ruolo dell'egemonia? Diversa dalle altre forme di concentrazione del potere internazionale, l'impero e il dominio, essa esaspera l'anarchia o facilita la coesistenza? In questa originale disamina di un problema antico - stabilire se l'ordine internazionale può reggersi esclusivamente sulla paura e la minaccia - si sostiene che l'egemonia è in grado di svolgere alcune funzioni che all'interno degli stati sono affidate al governo. Una tesi messa alla prova su quattro casi di straordinario interesse: l'Italia del '400, il sistema degli stati europei tra '700 e '800, la Guerra fredda, il sistema globale contemporaneo dopo il 1989.

Europa e Stati Uniti dopo la guerra fredda
0 0 0
Modern linguistic material

Mammarella, Giuseppe <1929-> - Mammarella, Giuseppe <1929->

Europa e Stati Uniti dopo la guerra fredda / Giuseppe Mammarella

Nuova ed

Il Mulino, 2016

Abstract: L’ultimo quarto di secolo ha visto la scena mondiale percorsa da vicende fra le più intense e drammatiche dalla seconda guerra mondiale: i conflitti in Europa e in Medio Oriente, l’attacco alle Twin Towers, una crisi economica epocale, l’ingresso nell’area del benessere di nuovi paesi, il terrorismo islamista. Gli equilibri politici ed economici sono rimessi in gioco ridisegnando un nuovo scenario mondiale. Gli Stati Uniti come potenza egemone e l’Europa hanno vissuto e vivono una serie di cambiamenti che ne ridefiniscono il ruolo internazionale e i rapporti reciproci, ricapitolati nel volume in maniera documentata e problematica.

Il risveglio del drago
0 0 0
Modern linguistic material

Luttwak, Edward N.

Il risveglio del drago : la minaccia di una Cina senza strategia / Edward N. Luttwak ; traduzione di Chicca Galli e Andrea Zucchetti

Rizzoli, 2012

Abstract: La crescita della Cina è destinata a scalzare gli Stati Uniti dalla loro posizione dominante? Per Edward Luttwak, che unisce le doti di esperto di geopolitica a una profonda conoscenza storica e a una lunga esperienza diretta dell'intero territorio cinese, proprio la logica della strategia dei grandi imperi finirà per imporre la propria legge: secondo la quale un ruolo planetario, una rapidissima crescita economica e un'uguale espansione militare non possono coesistere nel mondo senza scatenare un'opposizione generalizzata. Solo se i dirigenti cinesi accetteranno una crescita sbilanciata, (economica ma non militare) o apriranno a una vera democrazia, la loro nazione potrà espandere pacificamente la sua influenza. In caso contrario, la resistenza globale colpirà anche lo sviluppo economico cinese, e scatenerà una pericolosa instabilità.

Relazioni globali nell' età moderna
0 0 0
Modern linguistic material

Parker, Charles H.

Relazioni globali nell' età moderna : 1400-1800 / Charles H. Parker

Bologna : Il Mulino, 2012

1Le vie della civiltà