Communauté » Forum » Recensions

Tutto quello che siamo
3 1 0
Bosco, Federica <1971->

Tutto quello che siamo

Mondadori, 2015

Résumé: Marina ha 19 anni e una vita non facile. Una mamma che se n'è andata troppo presto, un padre padrone, il sogno di frequentare l'Accademia di Belle Arti lasciato nel cassetto per evitare che il fratellino venisse cresciuto dalla "matrigna", e la scelta di andare a lavorare per non gravare sul padre pronto a rinfacciarglielo. Si sente peggio di Cenerentola: profondamente sola, incompresa e armata solo di una bella dose di ironia, ma senza nessuna Fata madrina all'orizzonte che venga a salvarla. L'amore è qualcosa a cui, ovviamente, non ha mai neanche pensato, e comunque l'unico ragazzo che le interessa, spocchioso studente del terzo anno, che vede tutte le mattine al bar dove lavora (giusto davanti all'Accademia, tanto per farsi del male!) sembra non accorgersi di lei. Fino al giorno in cui i loro sguardi si incrociano...

32 Vues, 1 Messages
Alice Raffaele
78 posts

L'intenzione, a un capitolo dalla fine, era di dare due stelle e non una, perché è comunque un libro scorrevole e perché, in fondo, non è un romanzo per adulti ma per giovani adulti; purtroppo nelle ultime pagine si finisce completamente nell'assurdo e nella superficialità per ottenere il tanto agognato happy ending per tutti i personaggi (tranne la matrigna cattiva, ovviamente).

Ho deciso di leggere questo romanzo perché nella RBBC Challenge 2020 (https://opac.provincia.brescia.it/news-2017/rbbc-challenge-2020/) è presente il prompt "Un libro per Giovani Adulti" e stamattina non avevo con me un libro cartaceo, così sono ricorsa alla MediaLibraryOnline e agli ebook. Quando ho scelto questo titolo ero quindi perfettamente a conoscenza che fosse rivolto a un pubblico di adolescenti, che possono in teoria identificarsi con la protagonista diciannovenne di nome Marina.

A livello di trama, c'è di tutto e di più: la madre di Marina è morta di tumore qualche anno prima, lasciando lei e il fratellino Filippo con un padre burbero, indisponente, vendicativo, manesco e violento sia fisicamente sia psicologicamente. Egli trova presto un'altra compagna, che incarna il personaggio antagonista principale della protagonista con trame e intrighi annessi.
Marina ha un talento enorme per l'arte e il disegno, ma non può svilupparlo perché non sarebbe un mestiere serio, secondo il padre, e perciò lei fa altri due lavori part-time mentre cresce il fratellino. Conosce Christo, il classico bello e impossibile a cui non interessa avere storie serie, e perde la testa; poi incontra Nic, che invece la fa innamorare, ma è super-fidanzato.
Cos'altro succede? In ordine casuale: vari incidenti; gravidanze extra-coniugali; un aborto; feste a più non posso; storie di una notte e gelosie; fermi da parte dei carabinieri; accenni di autolesionismo; un coming out; un matrimonio non celebrato in nome del vero amore; la sorellastra minore perfida quanto la matrigna; punizioni e botte, anche in pubblico.
Lo stile è molto incentrato sui dialoghi, le descrizioni sono minime e c'è parecchia superficialità nell'affrontare temi delicati soprattutto come la violenza domestica: non è sufficiente un abbraccio e un pianto a cancellare anni di soprusi. Questo è il dettaglio che mi ha portato ad assegnare una sola stella a questo libro, senza ulteriori tentennamenti.

Eppure l'ho fatto un po' a malincuore perché, andando oltre a cliché e stereotipi, il messaggio di fondo è un classico dei romanzi per adolescenti: il "sentirsi sbagliati" a quell'età è assolutamente normale, perché si sta cercando il proprio posto nel mondo; gli altri non sembrano in grado di capirci, perché troppo concentrati su loro stessi o perché non vivono le nostre stesse vicissitudini. Ciò genera ansie, dubbi, preoccupazioni, paranoie.
C'era davvero bisogno di mischiare tutti gli ingredienti citati sopra e spararli uno dopo l'altro, ottenendo una sorta di soap-opera per teenager, per parlare di questo tema? E' un peccato.
Forse sono di questo parere perché ormai sono più vicina ai trenta, ma una parte di me sa che avrei stroncato questa storia anche parecchi anni fa.

  • «
  • 1
  • »

7406 Messages en 6068 Discussions de 868 usagers

En ligne: Ci sono 90 utenti online