Ultime novità acquisite dalla Biblioteca di Nave

Trovati 36 documenti.

Quel giorno sulla luna
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Fallaci, Oriana <1929-2006>

Quel giorno sulla luna / Oriana Fallaci ; prefazione di Giosuè Boetto Cohen

Corriere della sera : Rizzoli, 2019

Abstract: Come un bambino curioso la scienza va avanti, scopre cose che non sapevamo, provoca cose che non immaginavamo: ma come un bambino incosciente non si chiede mai se ciò che fa è bene o è male. Dove ci porterà questo andare? Così Oriana Fallaci a Wernher von Braun, considerato uno dei capostipiti del programma spaziale americano. Sono gli anni Sessanta del secolo scorso e la grande scrittrice e giornalista, fin da bambina lettrice appassionata dei capolavori di Jules Verne ed estimatrice da adulta dell'opera di un maestro della fantascienza come Ray Bradbury, si avvicina all'avventura nello spazio affascinata dagli scenari che il futuro preannuncia. Per comprendere a fondo l'esplorazione dell'universo, lo sbarco del primo uomo sulla Luna, la vita nel cosmo, non esita a partire per gli Stati Uniti, inviata da L'Europeo, e a trascorrere lunghi periodi nel centro della NASA a Houston e nella base di Cape Kennedy. Quel giorno sulla Luna racconta la sua esperienza: Oriana incontra gli astronauti, condivide la loro preparazione, segue i dettagli tecnici, discute con gli scienziati e i medici, espone i propri dubbi, sottolinea i rischi e rivela, anche con spirito critico, le difficoltà. Il materiale che raccoglie è sorprendente per ricchezza e completezza documentativa, per varietà di voci e punti di vista. Nel momento in cui il missile Saturno V si solleva, prevale l'emozione di poter vivere in diretta un avvenimento straordinario. Prefazione di Giosuè Boetto Cohen.

Chi (non) l'ha detto
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Lorenzetto, Stefano <1956->

Chi (non) l'ha detto : dizionario delle citazioni sbagliate / Stefano Lorenzetto

2. ed.

Marsilio, 2019

Abstract: Sono passati più di vent'anni da quando Paolo Mieli, per due volte direttore del «Corriere della Sera», minacciò: «Una citazione latina sbagliata in un discorso o riportata erroneamente in un articolo dovrà diventare un'onta perenne, un guaio peggiore di un avviso di garanzia». Purtroppo, da allora, poco è cambiato, se non in peggio. Giornalisti e politici continuano ad attribuire pensieri in libertà a personaggi che non si sono mai sognati di esprimerli. Convinto che il «citazionismo» sia la deriva che più ha tolto credibilità al giornalismo, Stefano Lorenzetto ha sottoposto ai raggi x detti, non detti e contraddetti, cercando di scoprire, per i più celebri, come e perché si siano diffusi in modo errato. I risultati dell'indagine sono sconcertanti e al tempo stesso divertenti. L'esclamazione «Elementare, Watson!» non è mai uscita dalla bocca di Sherlock Holmes né tantomeno dalla penna di Arthur Conan Doyle. A dispetto dell'aneddotica circolante su Mike Bongiorno, la signora Longari ha spiegato all'autore di questo libro che non è mai caduta sull'uccello. Materia sterminata, magmatica, cangiante. Forse perché «la vita stessa è una citazione», diceva Jorge Luis Borges (ma l'avrà detto davvero?).

Beauchamp hall
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Steel, Danielle <1947->

Beauchamp hall / Danielle Steel ; traduzione di Berta Maria Pia Smith-Jacob

Sperling & Kupfer, 2019

Abstract: Da ragazza, Winona Farmington sognava di laurearsi, trasferirsi a New York e intraprendere una carriera nel mondo dell'editoria. Ma la malattia della madre l'aveva costretta a lasciare l'università per tornare nella sonnolenta cittadina del Michigan dove era cresciuta. Molti anni dopo, Winnie è ancora lì, incastrata in un lavoro senza prospettive e in una relazione che si trascina stancamente. Per consolarsi, si abbuffa delle puntate di una serie televisiva inglese, Beauchamp Hall, ambientata negli anni Venti. Un giorno, però, la sua quotidianità va in pezzi. Al lavoro, una promozione lungamente attesa viene concessa dal suo odioso capo a una ragazzina tanto inesperta quanto compiacente. Disgustata, Winnie si licenzia in tronco e si precipita a casa, dove trova il suo compagno a letto con la sua migliore amica. Sconvolta, decide di partire: andrà in Inghilterra a visitare la location dove viene girata la sua serie tv del cuore. Un nuovo mondo prende vita quando Winnie fa conoscenza con i proprietari del castello dove è ambientata Beauchamp Hall, un affabile marchese decaduto e sua sorella, ed entra in contatto con la troupe. Quel che accade dopo è materia dei sogni, a dimostrare che la magia della vita può essere giusto dietro l'angolo.

Esperimento Marsiglia
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Di Paolo, Paolo <1983->

Esperimento Marsiglia / Paolo Di Paolo

EDT, 2019

Abstract: Paolo Di Paolo esplora Marsiglia e in particolare una strada, Cours Julien, in cui convivono tutte le cucine del mondo.

Come vedi avanzo un po'
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Scanu, Stefano <libraio>

Come vedi avanzo un po' : 15 biografie marginali / Stefano Scanu

ItaloSvevo, 2019

Abstract: Il genere biografico può essere squisitamente narrativo: dipende da come certe storie vengono raccontate, ma anche da come i protagonisti hanno vissuto le loro vite. Nel caso di Franz Reichelt, Spike Jones, Félix Fénéon, Vera, Peg Entwistle, Sir Walter Arnold, William Salice, Fortunato Arrighi, Vincenzo Pelliccione, Paul Wittgenstein, Thomas Midgley, Prince Randian, Gioachino Veneziani, Diego Maradona do Nascimento da Silva ed Eugeniu Iordachescu, si tratta di vite sghembe, non propriamente ordinarie, e neanche eroiche: ma qui prendono luce in tutto il loro splendore letterario.

Il Mediterraneo in barca
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Simenon, Georges <1903-1989>

Il Mediterraneo in barca / Georges Simenon ; traduzione di Giuseppe Girimonti Greco e Maria Laura Vanorio ; con una nota di Matteo Codignola

Adelphi, 2019

Abstract: Che Simenon sia un prodigioso narratore è a tutti noto. Ma forse non tutti sanno che, in particolare fra il 1931 e il 1946, è stato un reporter non meno prodigioso – e singolare. Singolare perché, lungi dal considerarsi un inviato speciale, i suoi reportage li ha scritti per sé, per viaggiare, per finanziare la sua curiosità. Proprio perché concepiti in funzione dell’unica attività che gli stesse a cuore, la scrittura – non a caso ha voluto intitolare il volume che li raccoglie Mes apprentissages («Il mio apprendistato») –, i suoi pezzi giornalistici non fanno dunque che rivelarci un’altra faccia del Simenon romanziere. Lo dimostra questo resoconto di una crociera compiuta nel Mediterraneo – da Porquerolles alla Tunisia passando dall’Elba, Messina, Siracusa, Malta – a bordo di una goletta: una lunga crociera durante la quale Simenon, che si era ripromesso di capire e descrivere il Mare nostrum, non potrà che confermarsi nella sua vera vocazione, la stessa di Stevenson: raccontare storie.

Cinquanta in blu
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Cinquanta in blu : otto racconti gialli / Gian Mauro Costa ... [et al.]

Sellerio, 2019

Abstract: Per i cinquant'anni dalla fondazione della casa editrice Sellerio, otto «giallisti», compagni in tempi diversi della nostra storia, hanno ricordato un libro scelto tra gli oltre tremila del catalogo, quello che ha colpito ciascuno di essi per un qualunque motivo personale (non necessariamente l'essergli piaciuto di più), e ne hanno fatto l'elemento determinante di una nuova trama. Hanno scritto un racconto con un libro: dove questo è di volta in volta o una specie di movente per una morte (così nel racconto di Marco Malvaldi, "La fine è nota" del misterioso autore Holiday Hall); oppure è lo strumento per una metamorfosi nella vita di una persona (nel racconto di Santo Piazzese, il poema di Ignazio Buttitta "La vera storia di Salvatore Giuliano"); o è assunto come schematico modello di uno scambio di equivoci, scheletro narrativo di una rischiosa vicenda (è il caso, nel racconto di Francesco Recami, del volumetto della Louise de Vilmorin "I gioielli di Madame de***"); o il nutrimento morale che dà la forza del dubbio necessario a chi indaga (come è, per i due «investigatori Stanlio e Olio» di Gaetano Savatteri, l'apologo scettico del Procuratore della Giudea di Anatole France); una pura ispirazione (è quello che conduce Giampaolo Simi a scegliere di Vàzquez Montalbàn Assassinio al Comitato Centrale come guida alla sua storia di terrorismo); l'atmosfera persistente di una nera Palermo sotterranea (che è quello che vuole in comune con il suo intrigo nero Gian Mauro Costa in una vicenda truce e romantica da "Storie e cronache della città sotterranea" dell'indimenticabile cronista poetico e teatrante Salvo Licata); una medicina per un caso orrendo di "isolitudine" (lo è "La luce e il lutto" di Gesualdo Bufalino per il biblioterapeuta Vince Corso di Fabio Stassi); infine, un libro che suscita angoscia che diventa l'idea per risolvere il caso (come accade a Carlo Monterossi, il dilettante di Alessandro Robecchi che si trova a indagare su delle cartoline minacciose, mentre legge di quelle dei due piccoli eroi antinazisti di Hans Fallada in "Ognuno muore solo"). Gli autori di questi racconti, nel trarre dallo scaffale un libro Sellerio, per commemorare il cinquantesimo anno della casa editrice, non hanno voluto ideare un «racconto su un libro», ma hanno tentato di ricreare per mezzo di una finzione la loro comunque più vivida esperienza di lettura con Sellerio.

La sentinella delle Dolomiti
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Budel, Carlo <1973->

La sentinella delle Dolomiti : la mia vita sulla Marmolada a 3343 metri d'altitudine / Carlo Budel

Ediciclo, 2019

Abstract: «È la montagna che mi ha insegnato a superare prove più difficili. La montagna ti insegna a fare le cose una alla volta, un passo alla volta, con il tuo ritmo e le tue forze, appoggiando saldamente un piede dopo l’altro, per non scivolare e avanzare diritto. Ti insegna a non farti prendere dal panico o dallo sconforto, anche quando non ce la fai più e ti sembra che l’obiettivo finale sia troppo lontano». Raggiungere il punto più alto della Marmolada, la Regina delle Dolomiti, ti dà una scarica di adrenalina. Viverci, in solitudine, per cento giorni di seguito, è un’esperienza che ti cambia la vita. A 42 anni, Carlo Budel decide di lasciare un lavoro sicuro, a tempo indeterminato. Non sopporta più la routine quotidiana, né il pensiero che i giorni della settimana saranno uno uguale all’altro, senza sorprese, senza emozioni. Sulle montagne, Carlo trova la sua strada. Scopre per caso che stanno cercando un gestore per la Capanna Punta Penìa, il rifugio più alto delle Dolomiti. Sente che è quello il suo destino: diventare il custode della Marmolada. Tutto, a 3.343 metri d’altezza, acquista un sapore estremo, dall’esplosione di colore dell’alba, alla terribile forza dei temporali e del vento. Stando sospesi tra terra e cielo, in certi momenti sembra di toccare con mano il confine tra la vita e la morte.

Cosa nostra spiegata ai ragazzi
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Borsellino, Paolo <1940-1992>

Cosa nostra spiegata ai ragazzi / Paolo Borsellino ; prefazione di Salvatore Borsellino

Il Fatto quotidiano, 2019

Abstract: È il 1989. La seconda guerra di mafia ha insanguinato la Sicilia e imposto sull'isola la dittatura armata dei corleonesi di Riina, ma non è ancora giunto il momento dell'attacco al cuore dello Stato. Nonostante questo, il giudice Borsellino - di fronte agli studenti di un liceo di Bassano del Grappa - racconta una storia che, a 30 anni di distanza, sorprende ancora per la sua triste attualità. Con parole semplici, chiare e dirette, il magistrato delinea un quadro inquietante fatto di omicidi, estorsioni e rapimenti. E lo fa di fronte a ragazzi del Nord Italia, una realtà apparentemente lontana da certi scenari. Ma i tentacoli della piovra sono lunghi e Borsellino lo sa bene. E con questo discorso cerca di mettere in guardia la giovane platea, affinché impari a riconoscere la mafia in tutte le sue manifestazioni, dalle più eclatanti a quelle più nascoste e, per questo, insidiose. Un documento importante, che suona ancora oggi come monito troppe volte rimasto inascoltato

L'oceano di mezzo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Rampini, Federico <1956->

L'oceano di mezzo : un viaggio lungo 24.539 miglia / Federico Rampini ; acquerelli di Nicola Magrin

Laterza, 2019

Abstract: «Nella mia vita di nomade non ho mai smesso la ricerca di radici. Immaginarie, costruite, conquistate. Ma indispensabili.» Le austere memorie di Genova, le atmosfere nordiche di Bruxelles e le sorprese di Parigi, l’iniziazione all’Oriente in Indonesia, poi verso Ovest a respirare l’aria decadente di New York, lo spaesamento di San Francisco, a riscoprire un’armonia celeste di Pechino, i bambini del Sichuan, le case a fior d’acqua del Kerala, il destino marittimo di Tokyo, le sorgenti del Nilo... Tre oceani e quattro continenti. Federico Rampini ci racconta grande storia e vita quotidiana di tanti luoghi e personaggi indimenticabili. E forse qualche lezione appresa.

Odio volare
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Odio volare / a cura di Stephen King e Bev Vincent

Sperling & Kupfer, 2019

Abstract: “Odio volare. 17 storie turbolente” è un omaggio divertito e un po’ malvagio ad una delle grandi paure del nostro tempo: quella di volare. Stephen King ha rivelato ad un gruppo di amici una sera a cena di non amare volare e da qui è nata questa raccolta di racconti dell’orrore tutti ambientati a bordo di un aereo. Diciamolo pure che stare chiusi in una scatola di metallo a diecimila metri di altezza con un gruppo di sconosciuti potrebbe fare davvero paura, anche perché quelli sconosciuti potrebbero fare qualunque cosa e a chi il pensiero corre verso il terrorismo si sta sbagliando di grosso, perché qui l’orrore è nascosto proprio nella banalità. Tanti autori, vecchi e nuovi, con racconti editi e inediti sono qui allora riuniti in questa collezione di storie di paura in volo. Stephen King regala ai lettori un suo racconto originale, “L’esperto di turbolenze”, e cura la raccolta dove spiccano i nomi di Sir Arthur Conan Doyle, Richard Mateson, Ambrose Bierce, Dan Simmons, Ray Bradbury e molti altri. Da una cena tra amici, nasce così la consapevolezza che la paura di volare è comune a molti esseri umani e che nasconde delle verità, perché l’ambientazione e l’atmosfera di un aereo sospeso in aria sono di per sé già un romanzo. E allora leggete “Odio volare” in aeroporto o prima di un atterraggio di emergenza per provare quel brivido che King, con il suo amico e collaboratore Bev Vincent, provano da sempre.

Com'è terribile questa nostra sorte
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Fiorin, Nicola

Com'è terribile questa nostra sorte / Nicola Fiorin

Arpeggio libero, 2019

Abstract: Due donne appartenenti a una ricca famiglia di industriali vengono trovate barbaramente uccise in un parco ai piedi del castello di Brescia e, ben presto, viene individuato il loro presunto assassino: si tratta di un immigrato irregolare con precedenti per spaccio, inchiodato da prove schiaccianti. Un “colpevole perfetto”, come lo definisce la stampa, e un caso che comporta poca fatica e molta fama all’avvocato Angelo Della Morte, incaricato di costituirsi parte civile nel processo all’assassino. Quello che sembrava un compito facile, però, ben presto si rivela un terreno minato e ricco di insidie: numerosi sono i misteri che si nascondono dietro la famiglia delle due donne. All’ombra della figura del patriarca Amedeo, dispotico e spietato, formicola una corte composta da un avvocato faccendiere, un'ambigua assistente che non toglie mai gli occhiali da sole e i due figli del vecchio, di cui uno è illegittimo. Angelo scoprirà che non sempre la soluzione di un caso va cercata in tribunale, ma tra le pieghe di esistenze che nascondono una profonda disperazione, inconfessabili segreti e apparenze da salvare ad ogni costo. Così, intraprende un’indagine personale per conquistare la verità e, con essa, un po' di giustizia. Anche quando la giustizia, forse, è la scelta meno conveniente. Con lui, la fidanzata Francesca e gli amici di sempre, oltre a nuovi personaggi: un impacciato avvocato d'ufficio, un vecchio principe del foro, alcolizzato e ormai a fine carriera ma sempre di grande talento, e un pubblico ministero donna di Bergamo, in esilio a Brescia. Il quinto capitolo della serie dedicata ad Angelo Della Morte, avvocato penalista e rocker, un thriller ad alta tensione che si risolve solo all'ultima pagina.

Grandi scoperte a piccoli passi
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Farina, Toni <giornalista>

Grandi scoperte a piccoli passi : 20 itinerari in Piemonte e Val d'Aosta dedicati ai bambini / Toni Farina

MRe, 2019

Abstract: Attraverso 20 itinerari facili la montagna diventa un mondo da esplorare tra realtà e fantasia. Le escursioni sono suddivise per tema - i villaggi, il bosco, l'acqua, gli animali, le vette, le incisioni rupestri - sono arricchite da una fiaba, da schede divulgative inerenti natura, storia, geografia. Sono spiegate in modo semplice ma esauriente affinchè anche i bambini possano leggere la descrizione dell'itinerario partecipando attivamente alla preparazione della gita a casa e all'individuazione del percorso in ambiente. E ogni passo diventa una piccola grande scoperta.

Montagne a pedali
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Montagne a pedali : 35 itinerari per scoprire e vivere la montagna in sella alla mountain bike

Solferino, 2019

Abstract: Un'opera per scoprire l'affascinante mondo del cicloescursionismo grazie a itinerari sulle montagne italiane, dall'Alto Adige alla Sicilia. Le proposte, curate dal Club Alpino Italiano e adatte a tutti, sono accompagnate da un ricco corredo iconografico e da approfondimenti e consigli per gli amanti della bicicletta.

Romantische Strasse in bicicletta
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Fiorin, Alberto <1960->

Romantische Strasse in bicicletta : da Würzburg a Füssen, nel cuore della Baviera / Alberto Fiorin

Ediciclo, 2019

Abstract: La Romantische Strasse è uno dei percorsi più affascinanti della Germania del Sud che si snoda tra dolci vigneti, pittoreschi villaggi medievali, fiumi e placidi laghetti. È tra le ciclovie preferite dai cicloturisti europei. Dal Meno e dalla storica città di Würzburg, la Romantische Strasse giunge ai piedi delle Alpi nei pressi di Füssen, dove sorge il fiabesco castello di Neuschwanstein, diventato un’icona di Walt Disney. In poco meno di 500 chilometri attraversa da Nord a Sud la Baviera inanellando incantevoli città medievali come Rothenburg, Dinkelsbühl, Nördlingen, Schongau, un importante porto commerciale sul Danubio come Donauwörth e una delle più antiche e rilevanti città tedesche come Augsburg, fondata dall’imperatore romano Augusto. La ciclabile conduce tra i rigogliosi vigneti a picco sul Meno, le ubertose valli del Tauber, del Danubio e del Lech; serpeggia tra abbazie medievali e gioielli barocchi, e consente la degustazione di prestigiosi vini e schiumanti birre. Una pedalata per tutti i gusti.

I rifugi della Valle d'Aosta
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Ardito, Stefano <1954->

I rifugi della Valle d'Aosta : 151 rifugi, bivacchi e posti-tappa / Stefano Ardito

Iter, 2019

Abstract: Ai piedi del Monte Bianco, del Cervino, del Gran Paradiso e del Monte Rosa, la Valle d’Aosta è un piccolo eden per gli appassionati dell’alpinismo, dell’escursionismo e dello sci. A loro, ma anche ai camminatori meno esperti, ai turisti, alle famiglie con bambini è dedicata questa guida. Il gran numero dei rifugi valdostani proposti dall’autore, include strutture molto diverse tra loro: dalle classiche costruzioni in legno e pietra, tra i 2000 e i 2500 metri di quota, in cui è possibile mangiare, riposare, ammirare il panorama, ai rifugi d’alta quota, in origine piccole capanne accanto ai ghiacciai, che conservano la funzione di punti d’appoggio alla base di classiche ascensioni alpinistiche. Alcuni rifugi della Valle d’Aosta, poi, sono accessibili solo ad alpinisti o escursionisti esperti accompagnati da una guida alpina. La maggior parte sono raggiungibili senza problemi da tutti e altri ancora, adatti alle passeggiate in famiglia, sono nati a breve distanza dai paesi e dal fondovalle. La guida I Rifugi della Valle d’Aosta, arricchita da suggestive foto, descrive le caratteristiche e gli itinerari di accesso ai rifugi e ai bivacchi, e indica le attività (escursioni, osservazione della natura, ascensioni, traversate, alte vie…) possibili da ogni struttura.

Il cavaliere del lago
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Kristian, Giles <1975->

Il cavaliere del lago / romanzo di Giles Kristian ; traduzione di Stefania Cherchi

Longanesi, 2019

Abstract: V secolo d.C., Britannia. Gli scontri con le legioni di Roma sono ormai un lontano ricordo, ma il trono di Uther Pendragon è ormai giunto al termine e Sassoni e Franchi perseguitano i confini del regno. È in questo mondo fratturato e incerto che muove i primi passi Lancillotto, rifuggendo le fiamme della guerra, l'omicidio e il tradimento. Un estraneo i cui unici compagni sono un falco e i ricordi di ciò che ha perso. Eppure si dimostra un giovane valoroso, e sotto gli occhi vigili di Merlino e di Lady Nimue affina i suoi talenti, iniziando il suo viaggio verso un destino da Cavaliere. Incontrerà Ginevra, una ragazza selvaggia, orgogliosa e bella, lei stessa emarginata a causa dei suoi doni. E sarà abbagliato da Artù, un guerriero che porta con sé le speranze di un popolo come una torcia nel buio. Ma questa è un'era di lotte spietate in cui anche l'amicizia e l'amore sembrano destinati a svanire. Gli dei stanno scomparendo, lontani ormai perfino dai sogni del popolo. Il tradimento e la gelosia governano i cuori degli uomini e il destino stesso della Britannia poggia sul filo di una spada. Ma il giovane rinnegato che ha lasciato la sua casa a Benwick portando con sé solo sogni di vendetta è ormai un signore della guerra. È un uomo amato e odiato, ammirato e temuto.

Manifesto contro il potere distruttivo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Parsi, Maria Rita <1947->

Manifesto contro il potere distruttivo / Maria Rita Parsi ; con Salvatore Giannella

Chiarelettere, 2019

Abstract: "Il potere distruttivo esprime, nel microcosmo familiare come nel macrocosmo sociale, il malessere, il disagio psicologico, quando non l'evidente disturbo mentale, dettati dall'angoscia di morte, dalla paura, dalla rabbia, dalla frustrazione, dall'impotenza di chi lo ricerca, di chi lo esercita o tenta di esercitarlo. E, ancora, di chi lo accetta e lo sostiene facendolo, per delega, esercitare ad altri. [...] Il 'Manifesto contro il potere distruttivo' è stato pensato e scritto contro tutti i dittatori e contro tutti i potenti e gli sfruttatori criminali che ancora opprimono, con le loro imprese e le loro perversioni, milioni di esseri umani e tante nazioni del mondo. E, ancora, è stato pensato e scritto, con l'aiuto di molti, per denunciare non soltanto quei dittatori ma tutti gli psicopatici, i narcisisti maligni, gli accumulatori seriali di denaro, armi, beni e territori; i 'Signori della guerra' che alimentano odi, orrori e conflitti"

Casa Paradiso
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Stibbe, Nina <1962->

Casa Paradiso / Nina Stibbe ; traduzione di Beatrice Masini

Bompiani, 2019

Abstract: Inghilterra, 1977. Dopo aver trovato l'uomo giusto per sua madre, Lizzie Vogel, ormai quindicenne, è alla ricerca di un lavoretto che le consenta di concedersi qualche piccola libertà. Il suo tempo la vorrebbe punk e ribelle, ma Lizzie non si riconosce in questi modelli e agogna un'indipendenza indipendente. Così accetta un lavoro da infermiera ausiliaria a Casa Paradiso, decadente casa di riposo del Leicestershire. Il compito però si rivela più arduo del previsto: far uscire un ospite dalla vasca da bagno è un'impresa titanica, le colleghe sono stravaganti al limite della follia, e c'è il problema degli studi, difficili da seguire con regolarità quando il tuo unico pensiero è una banda di anziani esigenti (più Mike Yu, affascinante fidanzato di un'altra ausiliaria). La rivalità di un ospizio più attrezzato minaccia l'esistenza di Casa Paradiso, ed è allora che tutti, ospiti e dipendenti, si alleano, capitanati da una suora anticonvenzionale, per cercare di salvare quel luogo decrepito e assurdo ma tanto confortevole e attento alle necessità dei pazienti. A casa, intanto, la madre di Lizzie si appresta a un grande passo, forse.

Loro
0 0 0
Materiale linguistico moderno

March, Meghan

Loro : ladri d'amore / Meghan March ; traduzione di Anita Taroni e Stefano Travagli

SEM, 2019

Abstract: Whitney Gable è quel tipo di donna che proteggeresti fino alla morte. Per tenerla. Per amarla. Lincoln ora, per non perderla, deve dimostrare di essere un uomo degno di lei...