BIBLIOTECA DI PIADENA DRIZZONA

Servizi

  

Reference

Il servizio di reference è a disposizione di tutti gli utenti anche non iscritti al prestito. Al personale si possono richiedere informazioni, consulenze e ricerche bibliografiche, servizio di fotocopiatura. Vi si svolgono inoltre le correnti operazioni di iscrizione ai servizi e di prestito a domicilio.

 Prestito locale

Tutti i volumi, le riviste ed i multimediali esposti in biblioteca possono essere presi a prestito, fatta eccezione per quelli considerati di sola consultazione interna.

L’accesso al servizio di prestito domiciliare è subordinato all’iscrizione al servizio, che è gratuita e senza vincoli di residenza, e consiste nell’inserimento dei dati anagrafici (dietro presentazione di un documento in corso di validità) nella banca dati automatizzata e nella comunicazione dei propri recapiti. Il prestito è personale e l’utente è responsabile della buona conservazione del documento. Il numero di documenti della biblioteca che possono essere presi a prestito contemporaneamente è fissato in 10 documenti, di cui 5 multimediali.

Il prestito dura 30 giorni per i libri e 15 giorni per i multimediali e può essere rinnovato anche telefonicamente prima della scadenza, a condizione che i documenti non siano prenotati da altri utenti.

Il prestito di DVD film e CD musicali è subordinato al rispetto delle leggi sul diritto d’autore, ovvero trascorsi almeno 18 mesi dalla data di pubblicazione dei CD e dei DVD.

 Prestito interbibliotecario

La biblioteca garantisce la possibilità di avere a prestito documenti non fisicamente presenti in biblioteca, ma richiesti alle biblioteche collegate della Provincia di Brescia e della Provincia di Cremona tramite il prestito interbibliotecario.

Il prestito interbibliotecario con le biblioteche collegate nel Sistema interprovinciale di Brescia e Cremona, con le biblioteche del Sud-Ovest mantovano, con la Biblioteca Statale di Cremona e la Biblioteca Queriniana di Brescia è gratuito.

Ciascun utente può inoltrare al massimo cinque richieste.

Il prestito interbibliotecario con tutte le altre Biblioteche sul territorio nazionale e internazione è invece soggetto all’eventuale pagamento delle spese di spedizione richiesto dalla biblioteca prestante.

A sua volta la Biblioteca di Piadena è disponibile a prestare i propri volumi a tutte le biblioteche italiane e estere. Fatta salva la disponibilità alla reciproca gratuità, si chiede a rimborso delle spese di spedizione la tariffa di 3 Euro in Italia e 5 Euro all'estero, liquidabile in francobolli di posta prioritaria.

 Utilizzo personal computer e navigazione Internet

La Biblioteca offre la possibilità agli utenti di usufruire di due postazioni dotate dei comuni pacchetti applicativi Office per l’elaborazione di documenti personali. L’uso è gratuito, mentre sono a pagamento le eventuali stampe.

Dalle stesse postazioni è possibile accedere al servizio Internet che viene erogato secondo le tariffe fissate dal Comune di Piadena. E’ inoltre attiva una zona wireless entro la quale ci si può collegare gratuitamente con il proprio portatile.

L’utilizzo dei pc e il servizio internet sono disciplinati da apposito Regolamento. Regolamento e tariffe

Attraverso la piattaforma MediaLibraryOnLine la Biblioteca mette a disposizione dei propri lettori gratuitamente migliaia di documenti digitali (quotidiani e periodici, mp3, audiolibri, video, e-book in streaming e in download). L’accessibilità al servizio richiede l’accreditamento da parte della Biblioteca.

Parimenti gli utenti possono richiedere le credenziali per l’accesso ai servizi del portale Opac della Rete Bibliotecaria Bresciana e Cremonese.

 Fotocopie

Il servizio di fotocopiatura (nei formati A4 e A3 e unicamente in bianco e nero) è limitato al materiale di proprietà della Biblioteca e a materiale di uso scolastico, non è dunque consentito fotoriprodurre documenti personali.

Le tariffe sono fissate dal Comune di Piadena. Tariffe

Non possono essere fotocopiati tutti quei documenti che, a discrezione del personale, sarebbero danneggiati da tale pratica (in generale alcune enciclopedie, i documenti d’archivio, i testi antichi o in cattive condizioni) ed è fatto divieto di riprodurre più del 15% di ciascuna opera ai sensi della vigente normativa sulla tutela del diritto d’autore (art. 68/ L 633/1941 e L 248/2000).